Le principali caratteristiche e come convalidare il sito con il W3C

Si tratta di certificare non solo il sito ma anche le nostre conoscenze... e dimostrare che le pagine realizzate sono affidabili e funzionali.
Cosa meglio della certificazione del World Wide Web Consortium, per gli amici W3C.

Prima di cominciare proviamo a rispondera ad alcune domande che ci siamo rivolti anche noi durante la ricerca del materiale per questo articolo.
Perchè prestare attenzione a queste tecniche quando probabilmente realizzate pagine Web funzionanti? Vediamo insieme le motivazioni principali:

  • Le specifiche W3C permettono di isolare errori ed incongruenze anche grazie ai validatori messi a disposizione dal consorzio.
    Inoltre utilizzare gli stessi standard quando si lavora in gruppo rende l'ambiente più efficiente.
  • Per non essere coinvolti nella guerra dei browser, le raccomandazioni permettono di incrementare la portabilità? dei documenti.
  • I documenti che aderiscono alle raccomandazioni W3C possono essere utilizzati anche da browser studiati per i disabili.
  • Con la diffusione e l'utilizzo di dispositivi wireless, l'uso di un linguaggio pulito permette di evitare la ri-digitazione delle pagine per supporti differenti.

Per esempio fra le tante cause che hanno portato la tecnologia Wap ad essere abbandonata velocemente a favore di nuove tecnologie è proprio la scarsa offerta di contenuti scritti appositamente per questo sistema (WML- Wireless Markup Language).

I palmari/cellulari di nuova concezione difatti contengono browser del tutto analoghi a quelli utilizzati dai PC.

Il linguaggio utilizzato è in tal caso l'XHTML, che vedremo nei prossimi articoli con l'XML, ma andiamo per ordine e cerchiamo di comprendere come camminare prima di cominciare a correre. Prima di capire di che cosa si tratta , ricordiamo che l'elemento centrale di ogni linguaggio è il marcatore (markup).

I marcatori sono costituiti da un tag e da un contenuto.
Mentre il tag indica il comando vero e proprio gli altri elementi ne definiscono la qualità? e le caratteristiche.
Ovviamente l'obiettivo del W3C è di fare in modo che quegli attributi siano validi e riconoscibili.

Le specifiche che definiscono l'HTML si separano in tre tipi di interpretazioni.

  • Strict HTML 4
    è l'interpretazione più stretta di HTML 4. Ogni marcatore definito obsoleto in HTML 4.0 non può ovviamente essere utilizzato. Sarebbe la versione da utilizzare per avere un codice davvero "pulito".
            <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.0//EN" "http://www.w3.org/TR/REC-html40/strict.dtd">
    
  • Transitional o loose HTML 4
    La specifica transitional o loose HTML 4 combina invece alcuni elementi definiti in HTML 3.2 con gli standard dello strict HTML 4. Il vantaggio è una completa compatibilità? con il vecchio codice.
            <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/REC-html40/loose.dtd">
    
  • Frameset HTML 4
    La versione frameset HTML 4 include tutte le informazioni presenti nella loose più tutti gli elementi che definiscono i frame. Questa interpretazione è stata adottata proprio per standardizzarne le caratteristiche e regolamentarne l'uso.
            <!DOCTYPE HTML PUBLIC "-//W3C//DTD HTML 4.0 Frameset//EN" "http://www.w3.org/TR/REC-html40/frameset.dtd">
    

Attenzione a non dimenticare la definizione del  charset utilizzato dalla pagina.

<meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=iso-8859-1">

Oltre a queste interpretazioni il W3C raccomanda:

  1. Separare la struttura del documento dallo stile, privileggiando l'uso dei CSS.
  2. Fare attenzione all'accessibilità? e alla internazionalità?.
  3. Migliorare il caricamento dei docuemtni curando il design delle tabelle.

Ma come fa il W3C a qualificare il codice descritto nella pagina?
Lo standard per ognuno di essi prevede che venga dichiarata la versione e la DTD (document type definition) a cui fare riferimento.

Documento Strict HTML
Si tratta della versione rigorosa dell'HTML 4.0 e che esclude alcuni marcatori utilizati nella versione precedente HTML 3.2.
Ogni marcatore obsoleto non può ovviamente essere utilizzato.

Clicca per visualizzare il Document Type Definition Strict

Documento Transitional HTML
La specifica transitional o loose HTML 4 combina invece alcuni elementi definiti in HTML 3.2 con gli standard dello strict HTML 4. Il vantaggio è una completa compatibilità? con il vecchio codice ed una maggiore flessibilità?.

Clicca per visualizzare il Document Type Definition Transitional

Documento Frameset HTML
La versione frameset HTML 4 include tutte le informazioni presenti nella versione loose/transitional più tutti gli elementi che definiscono i frame.
Questa interpretazione è stata adottata proprio per standardizzare le caratteristiche e regolamentarne l'uso dei frame.

Clicca per visualizzare il Document Type Definition Frameset HTML

Una volta inserita la giusta intestazione il validatore del W3C messo a disposizione nel sito http://validator.w3.org comprende quali siano le interpretazioni scelte per il documento analizzando gli errori.

pagina per il controllo dei file via upload

pagina per il controllo dei file via URL

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

Ci sono 1 commenti
Anonimo


.................


#marquee {
padding:15px;
}










bgcolor="#FFFF00"hspace="70%"vspace="80%"onmouseover=this.stop() onmouseout=this.start() width="300px"
height="150px" direction="up" behavior="scroll" scrollamount="1" valign="middle">
Questo è il nostro Testo scorrevole con Up.