Christian Castelli
a- a+

Sessioni e gestione delle applicazioni (Le sessioni)

SESSIONI E GESTIONE DELLE APPLICAZIONI

Le sessioni

Una sessione inizia quando un utente si identifica sul server web. Il web server assegna al client un id di sessione unico, il quale viene riusato dal client per identificarsi nuovamente di pagina in pagina mentre naviga il sito. La maggior parte del tempo, questi id unici vengono memorizzati in cookie di sessione che scadono dopo che il client non interagisce più con il server per un certo periodo di tempo. Il timeout varia a seconda dell'applicazione web. Per esempio, un sito di investimenti online potrebbe avere sessioni molto ridotte, in modo tale che se un utente lascia il proprio computer senza sloggarsi, un altro utente che potrebbe prenderne il posto sullo stesso computer alcuni minuti dopo non possa continuare ad operare con la stessa sessione del primo utente.

Gestione delle sessioni nel pannello di controllo di ColdFusion
Fig 1: settaggi delle variabili di memoria in ColdFusion Administrator, dove la gestione delle sessioni viene configurata.

Variabili di sessione in J2EE

La prima checkbox permette di usare le variabili di sessione J2EE invece di quelle di ColdFusion. I vantaggi sono:

  1. le sessioni terminano quando un utente chiude il browser. Ciò non accade con le sessioni ColdFusion;
  2. La visibilità delle sessioni è serializzabile, il che permette alle variabili di sessione di essere condivise fra server diversi, cosa non possibile con le sessioni ColdFusion.variables.

Non ci sono svantaggi nell'uso delle variabili di sessione J2EE, per cui si raccomanda di spuntare tale checkbox.

Abilitazione delle variabili dell'applicazione

La seconda checkbox dà l'opportunità di abilitare le variabili di applicazione. Tali variabili sono condivise fra tutti gli utenti dell'applicazione e durano fintanto che l'application server di ColdFusion non viene chiuso oppure vengono esplicitamente cancellate o l'applicazione va in timeout dovuto ad un settaggio in .

Le variabili dell'applicazione sono utili per memorizzare dati come i nomi dei sorgenti e gli indirizzi dei file che sono gli stessi per tutti gli utenti per tutta la durata dell'applicazione, per cui si raccomanda di marcare tale checkbox.

Abilitare le variabili di sessione

La terza checkbox dà l'opzione di abilitare le variabili di sessione. Tali variabili sono specifiche per ciascuna sessione di ciascun utente sul sito. Se tali variabili non vengono abilitate, divene molto difficile poter tracciare un utente nel sito, per cui si raccomanda di marcare anche questa checkbox.


Il tag

Il tag viene usato per:

  1. definire il nome di un'applicazione ColdFusion;
  2. abilitare/disabilitare le variabili lato client;
  3. specificare dove le variabili lato client devono essere memorizzate;
  4. abilitare le variabili di sessione;
  5. impostare il timeout per le variabili dell'applicazione.

Ecco una lista dei suoi attributi:

  • name: nome dell'applicazione;
  • loginStorage: specifica dove memorizzare le variabili di login (nei cookies o sessioni);
  • clientManagement: abilita le variabili lato client. Di default vale "No".
  • clientStorage: specifica dove memorizzare le variabili lato client;
  • setClientCookies: abilita i cookies. Di default vale "Si".
  • sessionManagement: abilita la gestione delle sessioni. Di default vale "No".
  • sessionTimeout: durata media delle variabili di sessione.
  • applicationTimeout: durata media delle variabili di applicazioni;
  • setDomainCookies: -setta CFID e CFTOKEN per un dominio.

il tag è quello più usato in principio del file Application.cfm. Un suo uso tipico è il seguente:

Se sessionTimeout e applicationTimeout non vengono definiti nel tag , come specificato nell'esempio poco sopra, vengono usati i valori di default presenti in ColdFusion Administrator.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Francesco
Hai dubbi su questo articolo?