Antonio Feliziani
a- a+

Web Form Controls e gli eventi

Sono i controlli più potenti che ASP.NET rende disponibili. Hanno il vantaggio di usare una nomenclatura coerente e di spostare l’attenzione del programmatore sulle logiche di sviluppo piuttosto che sul codice Html

I Web Form Controls sono dei tipi di controllo alternativi rispetto agli HTML Controls.

Mentre gli HTML Controls sono il modo preferibile per convertire con velocità un’applicazione ASP in una ASP.NET, iWeb Form Controls sono più complessi e completi. È possibile per esempio realizzare un checkbox che effettua il submit di una form non appena viene premuto.

In particolare, ogni controllo Web Form può generare più tag HTML e anche codiceJavascript.

I Web Form Controls si riconoscono perché preceduti da un prefisso (namespace) di tipo “asp” seguito dai due punti.

 

Vantaggi

  • la nomenclatura delle proprietà è coerente (a differenza di quello che succede con gli attributi dei tag HTML)
  • consentono di realizzare con un solo oggetto compiti complessi
  • si astrae dal codice HTML della pagina preoccupandosi invece delle logiche di programmazione

 

Un esempio

Il prossimo esempio visualizza una form realizzata con controlli di tipo Web Form.
Sono visualizzati 4 controlli di tipo asp:TextBox.

 

4 controlli di tipo TextBox

Con lo stesso controllo ASP.NET sono stati realizzati quelli che in HTML sono due tag diversi: <input> e <textarea>.

In particolare i 4 controlli realizzano:

  • un textarea senza barre di scorrimento
  • un input box di tipo testo
  • un input box di tipo password
  • un textarea con barre di scorrimento

Il codice che li genera è il seguente:

TextBox 1

 

    <asp:TextBox runat="server"
 id="txtTextBox1"
 Text="Primo TextBox"
 BackColor="#99ccff"
 TextMode="MultiLine"
 Rows="5"
 OnTextChanged="txtTextBox_Changed" />


TextBox 2

    <asp:TextBox runat="server"
 id="txtTextBox2"
 Text="Secondo TextBox"
 TextMode="SingleLine"
 AutoPostBack="true"
 OnTextChanged="txtTextBox_Changed"/>


TextBox 3

    <asp:TextBox runat="server"
 id="txtTextBox3"
 TextMode="Password"/>


TextBox 4

    <asp:TextBox runat="server"
id="txtTextBox4"
TextMode="MultiLine"
ScrollBars="Both"
Wrap="false"
ReadOnly="true" />


Questi controlli usano un insieme di proprietà davvero coerente. Ad esempio:

  • TextMode indica il tipo di tag da creare (input di tipo testo, password o textarea)
  • Text è l’eventuale testo da visualizzare nel controllo

 

Gli eventi

Come gli HTML Controls, anche i Web Form Controls dispongono di un modello di programmazione ad oggetti ed è pertanto possibile programmarne gli eventi. Anche in questo caso le potenzialità dei Web Form Controls si dimostrano superiori rispetto agliHTML Controls.

L’evento OnTextChanged è eseguito quando il testo in uno dei primi due TextBox è modificato.

Provate ad esempio a posizionarvi sul primo TextBox e a modificare la scritta “Primo TextBox“. A questo punto premete il pulsante di Invio.

Vi compare una pagina con la scritta “È cambiato il valore di txtTextBox1″.

 

La pagina di risposta dopo aver cambiato il testo e premuto submit

Provate a fare la stessa cosa con il secondo TextBox. Questa volta però non premete il pulsante di invio, ma spostatevi con il mouse o con il tastotab in un altro controllo. Noterete che ilsubmit della form è realizzato automaticamente. La causa è la proprietà AutoPostBack, che se posta atrue provoca l’invio automatico della form.

È un metodo comodo per simulare quanto avviene con le tradizionali applicazioni desktop, anche se dobbiamo prestare attenzione al fatto che la comunicazione traclient e server è destinata ad intensificarsi.

Come abbiamo già avuto modo di studiare, le funzionalità date dalla proprietàAutoPostBack sono realizzate da codiceJavascript latoclient.

 

Conclusione

I Web Form Control superano i limiti deitag HTML perché rendono disponibile un modello ad oggetti coerente e funzionalità più complete. Lo sviluppatore non si preoccupa dell’HTML generato, ma utilizza controlli simili a quelli disponibili nella tradizionale programmazione Windows.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Sara
Hai dubbi su questo articolo?