Luigi Arlotta
a- a+

Configurazione web server e motore php

In questo capitolo ci occuperemo di configurare il weserver e il motore PHP al fine di poter eseguire gli script PHP. Tratteremo il caso di Apache 1.3.x con la versione 3 o 4 di PHP su piattaforme Windows 9x e NT. Un breve accenno sarà fatto anche per gli utenti di Xitami Webserver. Per configurazioni  differenti saranno necessarie piccole variazioni ai comandi di configurazione consigliati. A tal proposito potrete far riferimento ai manuali contenuti nei pacchetti degli applicativi che avete installato.

Configurazione di Apache 1.3.x. e PHP 3.0.16

Il setup di PHP consiste semplicemente nella decompressione dei file e delle librerie contenute nel pacchetto scaricato in una opportuna directory. Supponiamo questa directory sia C:PHP3. A questo punto copiate il file php-ini.dist contenente la configurazione del motore PHP nella directory in cui il vostro sistema operativo mantiene i file di configurazione. Se utilizzate Windows 9x questa directory sarà C:WINDOWS; se invece utilizzate Windows NT la directory sarà C:WINNT o C:WINNT40. Cambiate il nome del file "php-ini.dist" in "php3.ini" ed apritelo con un editor di testo (ad esempio il notepad di Windows) per effettuare le seguenti operazioni:
Individuare la zona in cui è impostata la variabile "extension_dir" affinché essa punti alla directory nella quale è stato installato PHP (nel nostro caso è "C:PHP3").
Individuare la sezione "Dynamic Extensions" e scegliere i moduli che si desiderano caricare all'avvio di PHP. La scelta viene effettuata togliendo il punto e virgola (";") davanti al comando che carica un determinato modulo. Alcuni moduli richiedono l'installazione di librerie addizionali, quindi se non siete sicuri di aver bisogno di un modulo non richiedetene il caricamento. Le librerie si possono caricare anche dinamicamente attraverso la funzione dl("php_NomeModulo.dll");

Passiamo ora ai file di configurazione di apache. Potete trovare questi file nella directory "conf"di Apache, quindi il percorso completo dovrebbe essere qualcosa del tipo "C:ProgrammiApache GroupApacheconf". Aprite i file "httpd.conf" e "srm.conf" ed eseguite le operazioni descritte di seguito per configurare Apache per lavorare correttamente con PHP.

Individuare la sezione "ScriptAlias" e aggiungere il comando:

ScriptAlias /php3/ "C:/php3/"

Individuare la sezione "AddType" e aggiungere il comando:

AddType application/x-httpd-php3 .php3

Individuare la sezione "AddType" e aggiungere il comando:

AddType application/x-httpd-php3 .phtml

Individuare la sezione "Action" e aggiungere il comando:

Action application/x-httpd-php3 "/php3/php.exe"

Configurazione di Apache 1.3.x. e PHP 4
Il setup di PHP consiste semplicemente nella decompressione dei file e delle librerie contenute nel pacchetto scaricato in una opportuna directory. Supponiamo questa directory sia C:PHP. A questo punto copiate il file php-ini.dist contenente la configurazione del motore PHP nella directory in cui il vostro sistema operativo mantiene i file di configurazione. Se utilizzate Windows 9x questa directory sarà C:WINDOWS; se invece utilizzate Windows NT la directory sarà C:WINNT o C:WINNT40. Cambiate il nome del file "php-ini.dist" in "php.ini" ed apritelo con un editor di testo (ad esempio il notepad di Windows) per effettuare le seguenti operazioni:
Individuare la zona in cui è impostata la variabile "extension_dir" affinché essa punti alla directory nella quale è stato installato PHP (nel nostro caso è "C:PHP").
Individuare la sezione "Dynamic Extensions" e scegliere i moduli che si desiderano caricare all'avvio di PHP. La scelta viene effettuata togliendo il punto e virgola (";") davanti al comando che carica un determinato modulo. Alcuni moduli richiedono l'installazione di librerie addizionali, quindi se non siete sicuri di aver bisogno di un modulo non richiedetene il caricamento. Le librerie si possono caricare anche dinamicamente attraverso la funzione dl("php_NomeModulo.dll");
Individuare la sezione in cui è impostata la variabile "doc_root" e modificarne l'impostazione in modo che punti alla root directory del Web server ("C:apache groupapachehtdocs" o simile).

Passiamo ora ai file di configurazione di apache. Potete trovare questi file nella directory "conf"di Apache, quindi il percorso completo dovrebbe essere qualcosa del tipo "C:ProgrammiApache GroupApacheconf". Aprite i file "httpd.conf" e "srm.conf" ed eseguite le operazioni descritte di seguito per configurare Apache per lavorare correttamente con PHP.

Individuare la sezione "ScriptAlias" e aggiungere il comando:

ScriptAlias /php/ "C:/php/"

Individuare la sezione "AddType" e aggiungere il comando:

AddType application/x-httpd-php .php

Individuare la sezione "AddType" e aggiungere il comando:

AddType application/x-httpd-php .phtml

Individuare la sezione "Action" e aggiungere il comando:

Action application/x-httpd-php "/php/php.exe"

Configurazione di Xitami Web Server e PHP4

Xitami (http://www.xitami.com) è un web server particolarmente semplice e leggero (il file di installazione occupa meno di 800Kb) e quindi adatto a macchine dalle prestazioni non particolarmente elevate. Terminata l'istallazione del webserver è necessario modificarne il file di configurazione affinché possa riconoscere ed eseguire gli script PHP. A tal fine individuiamo la sezione [Files] all'interno del file xitami.cfg e aggiungiamo le seguenti linee:

.php = c:xitamiphp4php.exe


.phtml = c:xitamiphp4php.exe
.php4 = c:xitamiphp4php.exe
Quello che abbiamo fatto è stato indicare al webserver che tutti i documenti richiesti che hanno estensione .php, .phtml o .php4 devono essere interpretati dal motore php.exe che si trova nella directory c:xitamiphp4. Se avete installato il motore PHP in una directory diversa, o se intendete caratterizzare i documenti contenenti codice PHP con un'estensione diversa dovrete modificare i comandi di configurazione proposti in modo opportuno.

Per la versione 4 dovete modificare nella sezione [Session] del file php.ini il parametro session.save_path con il percorso completo dei file temporanei di Xitami (C:Xitami emp).

Una volta effettuata questa modifica, basta rinominare il file in php.ini (o php3.ini in caso di utilizzo di PHP3).

Per verificare che la configurazione fatta sia completa, basta creare una pagina HTML contenente un semplice script PHP come quella riportata di seguito.

<!--file: info.html -->
<HTML>

<HEAD>

<TITLE>Example 2.01</TITLE>

</HEAD>
<BODY>

<? phpinfo() ?>

</BODY>

</HTML>

Quindi salvarla con nome info.php nella directory root del webserver (C:Xitamiwebpages) o nella directory riservata a php a seconda del tipo di configurazione che avete seguito. Quindi avviate il webserver e collegatevi col browser all'indirizzo:

http://127.0.0.1/info.php.

o

http://127.0.0.1/php/info.php.

Sempre a seconda del tipo di configurazione seguita.

Se la finestra del browser apparirà tipo quella riportata in fig.2.1 vuol dire che avete configurato tutto in maniera corretta. Complimenti!

Ingrandisci immagine
CLICCA QUI PER INGRANDIRE


Fig.2.1: Finestra del browser



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Staff
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!