Windows 10 giochi: problemi di blocchi, ma su Xbox One recupera la PS4 e diventa potente quanto la Play

Windows 10 e le sue Direct X12 portano ad una svolta nel mondo dei videogiochi: se da un lato sono stati evidenziati alcuni problemi, dall'altro le potenzialità delle nuove librerie fanno sognare gli utenti Xbox One e PC.

Direct X12: forse la svolta per la Xbox One
 

Windows 10, Il nuovo sistema operativo della Microsoft, sembra aver avuto un impatto controverso sull'utenza. Nonostante una maggioranza di fruitori soddisfatti, non sono mancate numerose lamentele. Secondo le ultime notizie lo stesso scenario pare destinato a ripetersi nell'ambito dei videogiochi.

Le informazioni relative all'impatto di Windows 10 e le sue Direct X12 sul mondo dei videogames sono alquanto contrastanti. Da alcuni viene sottolineato come il nuovo sistema operativo sia intollerante ai giochi che contengono protezioni DRM. La stessa Microsoft ha confermato la situazione, affermando che si è trattato di una scelta deliberata, in nome della sicurezza. Windows 10 in sostanza rifugge ogni prodotto che abbia una forte compenetrazione nel sistema, ritenendolo troppo esposto al rischio di brecce. Questo il motivo per cui anche tanti anti-virus creano problemi, se non opportunamente aggiornati.

Di contro filtra l'entusiasmo di alcuni sviluppatori, davvero impressionati dalle potenzialità delle nuove Direct X12. Secondo le fonti, queste nuove librerie consentono un miglioramento delle performance di gioco nell'ordine del 20%. Si tratta di prove su PC, ambito in cui la varietà delle configurazioni ha un ruolo fondamentale sulle prestazioni. In quest'ottica è pertanto lecito attendersi un miglioramento ancora più netto su Xbox One. La console Microsoft sfrutta infatti le stesse librerie, ma gode di una configurazione fissa.

Sull'onda di queste affermazioni l'entusiasmo ha contagiato l'ambiente Xbox One che, grazie alla Direct X12 ed alla potenza del cloud computing in introduzione, vede colmato il gap prestazionale che lo separava dalla PS4. Siamo probabilmente in vista di una svolta del mercato dell'intrattenimento domestico: la console Sony rischia di dover affrontare una più equilibrata sfida della Microsoft.

Siamo abbastanza fiduciosi che il sacrificio di qualche vecchio titolo con il DRM valga la pena, il tempo ci risponderà.