Sky Q: nuovo decoder Sky e sistema per streaming. Come funziona, uscita in Italia. Prezzi e caratteristiche

Presentato il set-top box Sky Q. Predisposto per il 4K, consente di vedere contenuti in streaming e on demand. In arrivo nel 2016.

Sky Q: nuovo decoder Sky e sistema per streaming
 

Si chiama Sky Q ed è il nuovo decoder di Sky con telecomando touchpad per scorrere le proposte e scegliere cosa guardare. Caratteristica principale, oltre al supporto della tecnologia 4K, è la visione multipla di programmi su cinque apparecchi in contemporanea, ma con un massimo di due tablet. In linea con le attuali tendenze, gli utenti avranno una doppia possibilità di fruizione dei contenuti proposti: on demand e dunque in streaming oppure direttamente dal decoder, dotato di uno storage fino a 2 TB, su cui potranno essere registrati fino a un massimo di quattro. Di conseguenza sono garantiti i tipici servizi degli strumenti di questo tipo, come la possibilità di mettere in pausa la programmazione per poi riprenderla in un secondo momento, anche da un altro terminale.

Il set-top box può anche svolgere le funzioni di hotspot Wi-Fi. Altre caratteristiche sono l'accesso alle piattaforme di condivisione video come YouTube e Vevo e la compatibilità con lo streaming audio via AirPlay o bluetooth. Entrando nel dettaglio, i prodotti che finiranno a scaffale sono i due Sky Q Silver e Sky Q, fino a 12 sintonizzatori e fino a 2 TB di spazio; Sky Q Mini, il decoder plug and play con accesso wireless a Sky Q; Sky Q Hub, equipaggiato con tecnologia di rete Powerline; Sky Q App, il software per le tavolette multifunzione.

Presentato a Londra, Sky Q arriverà sul mercato europeo a inizio 2016 partendo proprio da Gran Bretagna e Irlanda. Per quanto riguarda gli altri mercati in cui Sky è presente, compresa quindi anche l'Italia, il debutto dovrebbe avvenire non prima del 2017. Non sono stati comunicati i prezzi di acquisto e di fruizione dei servizi. Se ne parlerà solo a pochi giorni dal lancio sul mercato. Secondo Jeremy Darroch, al vertice di Sky, siamo davanti a una vera e propria ristrutturazione della TV "in modo che l'esperienza di visione fosse flessibile e fluida su diversi schermi per offrire ai clienti una vasta scelta a portata di mano". Per molti si tratta dell'immediata risposta allo sbaco di Netflix in Europa.