IT-ICT Italia 2012: previsioni positive grazie a Internet, contenuti web e cloud computing

Nonostante la contrazione del mercato ICT registrata nel 2011, stanno crescendo imprese e opportunità ad alto valore aggiunto.

andamento mercato ICT 2011
 

Il settore ICT nel nostro paese ha dimostrato di essere piuttosto in crisi, analizzando i dati relativi al 2011: il mercato ICT, infatti, ha registrato un calo del 3,6 per cento, secondo il rapporto di Assinform e Netconsulting. Ci sono però, anche in Italia, mercati digitali emergenti, il cui lavoro porta il focus su web, applicazioni, contenuti e servizi avanzati. Queste imprese, però, non sono ancora in grado di incidere a livello significativo a livello economico, perché rappresentano ancora delle nicchie.

Il potenziamento di questi nuovi settori dell'economica legata all'ICT e all'innovazione passa sicuramente attraverso l'adozione di un piano operativo concreto per la sviluppo dell'Agenda digitale per l'Italia. Portare in digitale tutti i servizi della Pubblica amministrazione, per esempio, potrebbe rappresentare non solo un'occasione di alfabetizzazione per gli italiani, ma anche un forte traino per lo sviluppo di nuovi servizi legati proprio alle pratiche digitali. La stessa cosa potrebbe avvenire anche con la diffusione degli open data, considerando anche che la trasparenza e la semplificazione dovrebbero essere tra gli obiettivi prioritari dell'azione del governo Monti.

Ci sono poi altri aspetti, inclusi nelle linee guida indicate dalla cabina di regia per l'Agenda digitale, come lo sviluppo della banda larga, con forti investimenti per la realizzazione di infrastrutture in grado di portare l'Italia verso gli obiettivi di connettività previsti dall'Unione Europea per i prossimi anni. Necessarie, ovviamente, anche attività di educazione alla cultura digitale per colmare il grave digital divide del nostro paese.

La nuova economia digitale, e in questo possono essere incluse anche tutte le attività di sviluppo di applicazioni e servizi dedicati al mondo mobile, si caratterizza per la possibilità di lavorare con budget ridotti e basandosi quasi esclusivamente sul web e sui servizi cloud. Secondo il rapporto di Assinform, è arrivato il momento di parlare di "Global digital market", un sistema che estende e supera i confini del tradizionale settore ICT.

Le potenzialità ci sono anche nel nostro paese, lo sviluppo dell'Agenda digitale è un requisito necessario per evitare che questa ricchezza si trasferisca all'estero, dove è possibile trovare più opportunità di crescita e di finanziamento, rispetto al mondo dell'impresa italiana, tradizionalmente più chiuso all'innovazione.