Spesometro 2014: proroga Agenzie Entrate Aprile attesa. Anche cancellazione possibile secondo parere Bankitalia

La riduzione nell'uso del contante e il maggior ricorso alla moneta elettronica possono far venir meno gli adempimenti dello spesometro.

Spesometro 2014: cancellazione possibile in prospettiva secondo parere Bankitalia
 

Le prossime saranno settimane decisive per sapere che fine farà lo spesometro. Già, proprio così perché la legge delega sul fisco può portare con sé una serie di importanti cambiamenti che possono coinvolgere uno degli strumenti più discussi dell'Agenzia delle Entrate. Secondo Salvatore Chiri e Paolo Sestito, rispettivamente capo del Servizio assistenza e consulenza fiscale della Banca d'Italia e capo del Servizio di Struttura economica della Banca d'Italia, auditi in commissione Finanze del Senato la limitazione nell'utilizzo del contante e dunque il maggior ricorso alla moneta elettronica può mandare in soffitta lo spesometro.

In particolare, secondo Sestito, "un ulteriore abbassamento dei limiti di utilizzo del contante, il potenziamento della fatturazione e della moneta elettronica, nonché della tracciabilità dei pagamenti, potranno in prospettiva rendere non più necessario lo spesometro".

Per ora, però, nonostante l'assenza dell'apposita circolare dell'Agenzia di via XX Settembre occorre far riferimento alla doppia scadenza del 10 aprile per le comunicazioni riferite all'anno d'imposta precedente per i soggetti che effettuano la liquidazione mensile ai fini dell'imposta sul valore aggiunto, e del 21 aprile per le comunicazioni riferite all'anno d'imposta precedente per gli altri soggetti in capo ai quali sussiste l'obbligo di comunicazione.

Si ricorda che agli adempimenti con lo spesometro sono chiamati gli operatori finanziari che hanno effettuato operazioni IVA di importo pari o superiore a 3.600 euro attraverso carte di credito, di debito o prepagate. Le modalità di invio sono di due tipi: aggregata con l'indicazione dei totali delle operazioni attive e passive effettuate con una stessa controparte e distinte per tipologia; analitica con la segnalazione dei totali per ciascuna operazione, sia attiva che passiva.

Commenta La Notizia!