Il futuro della tecnologia M2M nei prossimi 5 anni 2015-2020

Così la tecnologia machine to machine può cambiare la nostra vita. Entro pochi anni 50 miliardi di macchine saranno collegate tra loro.

Il futuro della tecnologia M2M
 

Trova sempre più spazio nelle aziende di tutto il mondo e in un numero crescenti di comparti l'M2M (machine to machine) ovvero lo scambio di informazioni automatizzato tra macchine e oggetti. Le prime percepiscono le seconde, sanno quali informazioni sono rilevanti e le gestiscono. I vantaggi sono almeno 3: efficienza, sostenibilità e sicurezza. E sempre in modo automatico. Il futuro di questa tecnologia dipenderà in gran parte dai progressi che saranno compiuti prossimi anni. Tuttavia, ci sono molte industrie che, prima delle altre, beneficeranno di questa opportunità e ne trarranno rapidi ed enormi benefici.

Già oggi, ad esempio, l'M2M trova spazio nell'assistenza e sorveglianza di pazienti cronici, nel coordinamento autisti e tecnici addetti all'assistenza, nella localizzazione e diagnosi di veicoli, nella localizzazione e tracciabilità di invii di merce, nei pagamenti senza l'uso di contanti, nella rilevazione e analisi di dati relativi a contatori e clima, nella sorveglianza e sicurezza di impianti o edifici. Anche nel campo della salute, questa tecnologia può essere sfruttata attraverso l'impiego di sensori sui pazienti con problemi di cuore così da rilevare i segni di un arresto cardiaco e garantire con tempestività l'assistenza medica di emergenza.

E siccome la nostra società tende a invecchiare, questa tendenza in combinazione con la tecnologia avanzata del machine to machine può creare nuovi posti di lavoro. Nella vita di tutti i giorni ovvero sul versanti di beni di consumo e servizi connessi, può essere utilizzato con tutti i prodotti alimentari che vengono consumati in casa. L'utente può controllare il processo di ordinazione, mettersi in automatico in contatto con il supermercato locale e ordinare ciò che è necessario e pagare con carta di credito o di debito. Secondo gli esperti, entro pochi anni, 50 miliardi di macchine saranno collegate tra loro tramite sistemi M2M.