Cloud computing: la produttività aumenta insieme ad altre determinate condizioni secondo nuova ricerca

Il cloud computing viene considerato una soluzione strategica per aumentare il livello di competitività nelle aziende. Ecco perché.

Cloud computing: la produttività aumenta insieme
 

Cresce costantemente il tasso di competitività nel mondo delle aziende e se una società non è più produttiva ed efficiente rischia di andare fuori dal mercato nel giro di poco tempo. Una chiave per mantenere alto il livello di performance e continuare a recitare una parte da protagonista è aggiornarsi in maniera costante ovvero rendere l'ambiente di lavoro più produttivo. Nuove tecnologie e soluzioni innovative rappresentano un toccasana a tutte le latitudine. Una recente ricerca pubblicata da Entrepreneur.com rivela come il cloud computing sia uno dei modi più efficaci per ottenere risultati nelle imprese. Più precisamente, il 69% dei professionisti IT riferisce che la nuova digitale ha un effetto combinato: aumentare la produttività e riduce i costi.

Andando più nel dettaglio, si scopre come possa rivelarsi utile disporre di due postazioni di lavoro. Mettere computer portatili a disposizione dei lavoratori significa dare l'opportunità di lavorare in viaggio o in remoto che si traduce in un aumento di 100 ore in produttività per anno. L'analisi ipotizza come il binomio laptop-cloud sia destinato ad avere molto successo nel presente e negli anni a venire. Un altra aspetto preso in considerazione è la temperatura dell'ufficio che dovrebbe aggirarsi tra 70 e 72 gradi Fahrenheit (21-22 Celsius): ogni deviazione rispetto a questi numeri può comportare diversi punti percentuali di perdita di produttività.

Spazio poi a bei panorami esterni. Non sono ritenuti una causa di distrazione, ma di stimolo e fantasia. Appare poi interessante notare come le persone siano al picco dello loro capacità mentali intorno alla metà della giornata di lavoro ovvero in fase crescente verso le 11 del mattino e calante tra le 2 e le 3 del pomeriggio. Ecco perché sarebbe meglio evitare gli atti più mentalmente faticosi la mattina presto e nel tardo pomeriggio.