Riforma pensioni Letta: uscita anticipata donne, uomini, precoci, usurati. Calcolo 2014 etÓ e contributi senza modifiche

Nel 2014 entreranno in vigore i nuovi requisti per donne e uomini per andare in pensione. Nessun cambiamento per lavori usuranti e precoci.

Riforma pensioni: uscita anticipata uomini, donne, precoci e usuranti
 

Ancora una manciata di mesi prima dell'entrata in vigore delle nuove misure per andare in pensione. Il concetto di base è semplice: la vita media viene considerata più lunga e occorrerà lavorare un mese in più per ottenere quella anticipata. In base alla nuove regole in vigore, i requisiti sono fissati a 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, e a 41 anni e 6 mesi per le donne. Sarà dunque necessario lavorare un mese in più per ottenere la pensione anticipata. Se dal 2018 l'età fra uomini e donne sarà equiparata a 67 anni, le norme introdotte dal precedente esecutivo stabiliscono aumenti nel privato nei requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia per le donne: 63 anni e 9 mesi per le dipendenti e 64 anni e 9 mesi per le autonome.

Per gli uomini, in entrambe le categorie, sono di 66 anni e 3 mesi, alla stregua delle donne nel comparto pubblico. Modificata anche l'età della pensione anticipata: 42 anni e 5 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 5 mesi per le donne. Questo schema non sarà toccato. Piuttosto, come spiegato dal ministro del Lavoro Enrico Giovannini nel corso della doppia audizione alla Camera dei depuati e al Senato, è prevista la non rivalutazione rispetto all'inflazione per i redditi da pensione superiori a 6 volte il minimo pari a circa 3.000 euro al mese, come accade per i redditi più bassi.

Nel dettaglio, la rivalutazione sarà totale se l'assegno vale fino a 3 volte il minimo; al 90% fra 3 e 5 volte il minimo e il 75% fra 5 e 6 volte il minimo. Per le pensioni di importo superiore è prevista l'indicizzazione fino a 6 volte il minimo. Situazione differente in merito ai lavori usuranti e precoci. La legge attuale prevede il riconoscimento della loro peculiarità, ma non nella misura sperata. Più nel dettaglio, nel caso dei lavori usuranti, i dipendenti delle aziende private possono andare in pensione al compimento di 61 anni e se la somma di età e anzianità di carriera raggiunge la quota di 97. Peri lavoratori autonomi, la quota sale a 98. Per quanto riguarda i lavori precoci, la riforma Fornero ha fissato in 42 anni e 5 mesi di lavoro (42 anni e mezzo dal 2014) la soglia per gli uomini, in 41 anni e 5 mesi (41 anni e mezzo dal 2014) per le donne. Ma con penalizzazioni per chi non ha ancora compiuto i 62 anni

Commenta La Notizia!

Ci sono 11 commenti
Anonimo
la signora fornero ha rovinato diverse famiglie con la sua legge che schifo x che non vanno tutti a casa

Anonimo
per me sarebbe sacrosanto andare in pensione con 40 anni di contribuzione senza penalizzazioni poichè coloro che hanno maturato questo DIRITTO hanno iniziato a lavorare da ragazzini come me che ho cominciato a versare contributi a 16 anni,mentre tanti politici sono in pensione a 48 anni avendo versato ben poco!

Anonimo
non avete ritegno! pensate solo a voi! ma la giustia divina vi punirà !!!!!
la fornero deve morire soffrendo come nessuno ha mai patitite le sofferenze del inferno

Anonimo
Incredibile!
Devo lavorare 43 anni per andare in pensione e subire pure le penalizzazioni perche non ho 62 anni,mentre chi ha cominciato dopo di me va a62 anni senza penalizzazzioni?!!!

Anonimo
perchè non mandate tutti con 40 anni di servizio senza penalizzazioni ?? Pubblici e privati ???

Anonimo
avanti con la proposta di legge 857 dell'onorevole damiano 62 e 35 con qualche penalizzazione data la crisi appare la più equa.

Anonimo
la nostra classe politica è corrotta è tutto un magna magna,tutti i politici devono uscire a 67 anni con una pensione non superiore a 2000 euro al mese.per tutti gli altri pensionati non devono prendere una pensione inferiore a 1500 euro al mese.un paese cresce forte se non ci sono enormi differenze,questa è la verità.




Anonimo
Ma certo!!! E' questo il sistema per favorire l'occupazione? Fare lavorare gli anziani e lasciare spasso i giovani!! Ma quale futuro vuole creare questo Governo?? Mi sembra che chi ha lavorato 40 anni abbia il sacrosanto diritto di poter andare in pensione mentre i giovani hanno il sacrosanto diritto di potersi creare un futuro ... ma senza lavoro come possono fare??? E vi stupite se calano i fatturati, le spese delle famiglie diminuiscono, non si comprano auto???
E'una vergogna e la Sig.ra Fornero è in cima alla lista dei vergognosi!!! Si Vergogni SIGNORA FORNERO....