Riforma pensioni Governo Renzi: novitą modifiche uscita prima ed etą proposta Damiano e aumento assegno con taglio cuneo fiscale

Dal taglio del cuneo fiscale arriverebbero le risorse da destinare a favore dei lavoratori dipendenti e dei pensionati attraverso l'aumento delle detrazioni per i redditi bassi.

Riforma pensioni Renzi: aumento assegno con taglio cuneo fiscale
 

Seppure senza nominarle mai direttamente, è chiaro che nel programma di riforme del governo Renzi rientri anche la questione delle pensioni. Certo, le priorità sono altre, come la definizione del piano per il lavoro, ma la ristrutturazione del sistema sociale della previdenza italiana non può che accompagnarlo di pari passo. A ogni modo non è da escludere un ritocco verso l'alto degli assegni più bassi. I benefici arriverebbero da quella riduzione a doppia cifra, circa 10 miliardi, del cuneo fiscale "con misure serie, irreversibili, non solo legate alla revisione della spesa", annunciata dallo stesso premier.

Le risorse liberate andrebbero destinate a favore dei lavoratori dipendenti e dei pensionati attraverso l'aumento delle detrazioni per i redditi bassi, e delle imprese con il taglio del 10% dell'Irap.

Un ruolo centrale sarà svolto dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, pronto ad aprire il dialogo con sindacati e industriali sul welfare italiano. Spiega il nuovo premier:"Se non riusciamo a creare nuove assunzioni, il problema delle garanzie dei nuovi assunti neanche si pone".

La riforma del mercato del lavoro immaginata da Matteo Renzi prevede per prima cosa un meccanismo a tutele crescenti senza articolo 18 per i primi 3 anni; la possibilità di licenziare il dipendente entro 36 mesi dall'assunzione con pagamento di un indennizzo da quantificare, l'eliminazione della causale nei contratti a tempo determinato insieme alla somministrazione che attualmente obbliga i datori di lavoro a indicare i motivi dell'assunzione, la valorizzazione dell'Agenzia nazionale per l'impiego, l'introduzione dei voucher personali, la rivisitazione dei contratti degli statali.

Commenta La Notizia!