Quale tablet comprare?

Pubblicità

Apple iPad 2. Samsung Galaxy Tab 10.1. Sony Tablet S. Amazon Kindle Fire. Le alternative di mercato si moltiplicano. E a breve debutterà Asus Eee Pad Transformer Prime.

Sony Tablet S
Andrea Galassi 

È stata Apple ad inaugurare il mercato dei tablet. Nel 2010, con il lancio di iPad. Nel 2011 è arrivato iPad 2. Entrambe le tavolette firmate dalla società di Cupertino hanno ottenuto il consenso dei consumatori e della critica di settore. Merito del fascino esercitato da Steve Jobs, dell’ecosistema messo in piedi da Apple, della qualità costruttiva che da sempre contraddistingue i prodotti ideati in quel di Cupertino, dell’esperienza utente complessiva che la società della mela morsicata è stata capace di assicurare.

I produttori rivali di Apple hanno risposto ad iPad con troppo ritardo. Nel 2010, di fatto, il tablet Apple di prima generazione non ha incontrato alcun competitor sul mercato. Con l’eccezione di Samsung Galaxy Tab di prima generazione, tavoletta da 7 pollici basata su ndroid 2.2, ovvero su una versione del sistema operativo mobile di Google sviluppata per gli smartphone e non per i tablet. Poi è arrivato Android 3.0 aka Honeycomb, sistema operativo progettato proprio per esaltare l’esperienza d’utilizzo dei dispositivi di tipo slate. Il debutto di Honeycomb è stato sancito dal lancio di Motorola Xoom. I risultati di mercato di Xoom hanno deluso le aspettative. Motorola non si è persa d’animo e nei giorni scorsi ha annunciato l’arrivo di Xoom 2 e Xoom 2 Media Edition. Altra società che non è riuscita a impensierire Apple è stata RIM. BlackBerry PlayBook non ha convinto. Ancora peggio è andata a Hewlett-Packard. HP TouchPad era stato annunciato come il rivale più insidioso per iPad. La storia è nota: la produzione di TouchPad è stata sospesa, le unità disponibili sono state vendute sottocosto, il destino di webOS è incerto.

Samsung è riuscita a conquistare il favore dei consumatori nel mercato smartphone. La famiglia di terminali mobili Galaxy ha superato i 30 milioni di unità vendute. Un successo. Meno fascino, invece, hanno generato i tablet eredi del Galaxy Tab di prima generazione, ovvero Galaxy Tab 10.1v, Galaxy Tab 10.1 e Galaxy Tab 8.9. Su Android hanno scommesso anche Acer e Asus. La prima, con Acer Iconia Tab, la seconda con Asus Eee Pad Transformer. Ad Asus è andata meglio. I consumatori che guardano ad Android, tuttavia, farebbe bene ad attendere la disponibilità per la vendita di Asus Eee Pad Transformer Prime, si sostiene da alcune parti. Si tratta del primo tablet dotato di processore quad-core Tegra 3. Sony ha tentato di distinguersi all’interno della pattuglia di tablet basati su Android. Con i modelli Sony Tablet S e Sony Tablet P. Quest’ultimo, in particolare, si caratterizza per l’adozione di un doppio schermo da 5,5 pollici. Al momento, non si hanno informazioni certe sull’andamento delle prenotazioni e delle vendite dei due tablet Sony.

L’attenzione di analisti e osservatori di mercato è indirizzata verso Amazon Kindle Fire, equipaggiato con una versione custom di Android e dotato di display da 7 pollici. L’attenzione è alta perché Amazon dispone di un ecosistema in grado di competere con l’universo costruito da Apple. E perché il fattore prezzo gioca a favore di Kindle Fire.

Commenta La Notizia!