Bpg: nuovo formato immagini alternativo a Jpg. Differenze, vantaggi, miglioramenti

E' in arrivo un nuovo formato immagine che prenderà il posto di quello JPEG.

Immagine
 

Lo sviluppatore Fabrice Bellard, noto nell'ambiente per essere il creatore di FFMPEG, QEMU e altri software da lui creati, ha proposto al pubblico un nuovo formato immagine da utilizzare al posto di quello JPEG. Questa nuova estensione del file si chiama BPG, esatto acronimo di “Better Portable Graphics”.

Il formato JPEG è presente sulle piattaforme da circa una ventina d'anni, e in termini di qualità non ha mai avuto una implementazione o un miglioramento; l'efficienza degli encoder JPEG ha quindi finalmente subito una modifica radicale, con questo formato immagine che sembra essere nettamente superiore al precedente, anche se si crede che al momento possa portare problemi di implementazione visto che tutti i dispositivi sono settati per riconoscere i formati JPEG in particolare, sopratutto nei software già esistenti sul mercato. Dubbio lecito, questo, difatti è da capire come riuscirà a farsi “accettare” al meglio da tutti i tipi di sistemi esistenti.

Bellard ha inoltre sottolineato che il nuovo formato permetterà anche di memorizzare file con la stessa qualità JPEG ma con metà spazio occupato nella memoria; potrà quindi essere supportato anche dai browser grazie a un decoder javascript che, tramite procedure informatiche, sarà in grado di migliorarne la qualità. Al momento, il formato BPG supporta immagini a 8 o 14 bit per canale, immagini con compressioni lossless e metadati quali XMP, profili ICC e EXIF.

Finalmente, quindi, sarà possibile usufruire di un nuovo formato immagine del tutto innovativo, che era atteso già da molto tempo; inoltre, questa novità farà in modo che ci siano, su diversi fronti, miglioramenti profondi, che non solo riguardano la qualità stessa delle immagini, ma sopratutto la loro pesantezza all'interno di determinato un sistema operativo o un browser.