Invio prodotti acquistati su Internet: problemi spedizioni. E venditori eBay stranieri rinunciano.

Sono ben 37.000 gli inserzinisti di eBay che non sono disposti a spedire in Italia. Colpa dei disservizi di Poste Italiane.

 

Poste Italiane sotto accusa da parte di molti venditori eBay e anche da parte del colosso del commercio elettronico Amazon, che non ha ancora aperto una filiale italiana «soprattutto a causa del sistema delle spedizione» ha spiegato al recente Netcomm Forum Diego Piacentini, numero due dell’azienda.

Secondo un’inchiesta di Repubblica, la clausola «do not ship to Italy (non spediamo in Italia)» è presente in oltre 37mila inserzioni di eBay. Per la Francia lo stesso tipo di scritta appare sulle pagine di 3mila inserzionisti, per la Spagna si scende a 700 e per l’Inghilterra non c’è quasi traccia dell’avviso.

«Spedisco da otto anni in 89 nazioni» scrive nella community di eBay un utente da 22 mila e passa vendite. «In 88 nazioni sono andate a buon fine il 100% delle spedizioni e solo in una, l’Italia, il tasso di successo è del 47%». I suoi clienti hanno quasi sempre indicato di non aver ricevuto il pacco richiesto.

Andrea Polo, responsabile comunicazione di eBay, a dichiarato a Repubblica.it che «il problema è dovuto sia ai tempi lunghi di spedizione sia all’aspettativa del consumatore che, poco esperto di commercio elettronico, spesso non considera a dovere i complicati meccanismi che regolano un acquisto internazionale: pagamento, invio della documentazione, sdoganamento e così via».

Se molti feedback sono negativi, quindi, la colpa non è solo di Poste Italiane, ma anche di una certa ignoranza degli stessi utenti che ricorrono all’e-commerce, ignorandone i meccanismi.

Secondo Polo una risposta seppur parziale al problema potrebbe venire dall’uso dei corrieri privati e di sistemi come PayPal per il pagamento. Anche se i corrieri privati costano di più delle spedizioni effettuate da corrieri pubblici e preferite non tanto dalle grandi aziende che si affidano esclusivamente o anche al commercio elettronico, ma dai piccoli venditori eBay.

Ma il problema, purtroppo, sembra riguardare anche le spedizioni nazionali.

«Mi sono fatta in quattro per consegnare tutti gli ordini immediatamente dopo aver ricevuto la conferma» scrive su un forum dell’Associazione italiana di commercio elettronico la proprietaria di un piccolo sito di e-commerce «e poi le Poste Italiane, invece che metterci 3 giorni come scritto sulle condizioni, ce ne mettono più di 7».

Autore: Pierluigi Emmulo 

Ultimi articoli correlati:

Commenta La Notizia!