P2P: un nuovo BitTorrent da Pirate Bay.Sistema per condividere e scaricare file più veloci e sicuri

The pirate Bay sta sviluppando un nuovo sistema P2P più veloce e sicuro di BitTorrent dal codice aperto opensource. I file avranno estensione estensione .p2p anzichè .torrent, ma saranno comptabili.

 

The Pirate Bay non smette mai di stupire, e forse le major si saranno pentite, in quel 2005, di essergli andati a mettere i bastoni tra le ruote: da quel giorno "il partito dei pirati" si è infatti eretto a garante del P2P e delle reti di condivisione, causando a sua volta non poche grande alle major discografiche e cinemtaografiche.

La notizia più recente in riguardo è quella dello sviluppo, da parte di The pirate Bay, di un nuovo, rivoluzionario, protocollo P2P.

Quello sviluppato da BitTorrent Inc infatti è da poco tempo divenuto closed-source, e così Pirate Bay ha sentito il bisogno di crearne uno alternativo, che sarà opensource, e più attento alle trappole tese dalle major.

Alcune organizzazioni anti-pirateria infatti usano vari trucchi per tracciare le connessioni e le attività dei grandi uploader e dei grandi downloader, per incastrarli e denunciarli.

Ebbene, il nuovo protocollo dovrebbe essere in grado di limitare problemi di questo tipo.

Avrà estensione .p2p anzichè .torrent, ma i files .p2p saranno “retro-compatibili” e quindi sarà piuttosto semplice trasformare un .torrent in .p2p e viceversa.

Staremo a vedere, a Gennaio, come si è sviluppato il progetto.

Articoli correlati:

- Emule: scaricare più velocemente con il P2P. Ecco come fare

-P2P per uso personale: tribunale di Milano giudica innocente giovane che aveva scaricato 120 canzoni

- P2P in Italia: 170 i denunciati e 70 milioni di euro le perdite per l'industria discografica

- Multa per P2P record in Italia: 8,5 milioni di euro per 110mila film e canzoni. I dettagli

Commenta La Notizia!