Orologio Android Sony SmartWatch: come funziona. Prezzi, caratteristiche, data uscita

Pubblicità

Ecco il nuovo orologio da polso di Sony che funziona come una periferica di uno smartphone Android con cui comunicare via Bluetooth.

Il Sony SmartWatch
Fabio Lepre 

Con un po’ di fantasia e un pizzico di esagerazione potrebbe essere definito uno smartphone da polso. Il Sony Smartwatch non indica solo l’ora, ma dà la possibilità di fare uso di applicazioni, di controllare la lista delle ultime chiamate, di leggere i messaggi ricevuti ed è provvisto di un sistema di notifiche identico a quello dei cosiddetti cellulari intelligenti. E poi, dettaglio non di poco conto, è compatibile con i dispositivi equipaggiati con la versione 2.1 (e successive) del sistema operativo open source Android. Basta una connessione Bluetooth 3.0 per interfacciarsi ed eseguire le operazioni concesse lasciando lo smartphone nelle proprie tasche.

Dimensioni pari a 3,6 x 3,6 x 0,8 centimetri per un peso di 15 grammi, il Sony SmartWatch esibisce un display da 1,3 pollici con risoluzione pari a 128 x 128 pixel. Complessivamente sono 60 le app disponibili al momento del lancio, fra cui Facebook, Twitter e Google Maps. Il prezzo di vendita è di 150 dollari.

Il produttore assicura un’autonomia di 14 giorni in stand-by e di circa 4 giorni di utilizzo consecutivo. Il Sony SmartWatch arriverà entro questo mese. La data esatta del lancio sul mercato italiano non è stata comunicata. I cinturini colorati possono essere acquistati separatamente al costo di 20 dollari ciascuno. Per la società giapponese non si tratta di una novità assoluta. Già in passato ci ha provato con il LiveView, orologio Android da polso realizzato in collaborazione gli svedesi di Ericsson ai tempi della loro collaborazione.

Un altro modello molto popolare di cui si sono momentaneamente perse le tracce è I’m Watch. Si tratta di un orologio da sincronizzare all’iPhone, realizzato dagli imprenditori veneti Manuel Zanella e Massimiliano Bertolini. Display touchscreen da 1,55 pollici, è dotato di una memoria interna da 4 GB e supporta le connettività Bluetooth e Wi-Fi. Fra l’altro permette la ricezione di messaggi di testo e di posta elettronica, la visualizzazione di immagini, la segnalazione delle notifiche di Facebook, Twitter e Foursquare, la consultazione delle previsioni del tempo della località selezionata e l’accesso ai market digitali per scaricare applicazioni e musica. Nonostante le 10.000 prenotazioni, sull’I’m Watch è calato in silenzio finché il magazine Wired ha contattato l’amministraotre delegato Zanella che "ha confermato i ritardi" spiegando, due settimane fa che le consegne, sarebbero iniziate "più o meno dal 10 aprile".
 

Commenta La Notizia!