Mini Imu: come si paga prima casa, terreni, box. Calcolo, codici tributi compilazione F24, bollettini

Come pagare la Mini Imu? Rispondere a questa domanda significa anche spiegare come fare il calcolo, la compilazione dei modelli F24 o bollettino postale e tanto altro. Tutto quello che c'è da sapere lo trovate in questo articolo.

mini imu come si paga
 

Pagare una piccola Imu su prime case e terreni agricoli nei comuni che nel 2013 hanno aumentato l'aliquota Imu, portandola dallo 0,4% (o 4 per mille) fissata dallo Stato al 5 o 6 per mille. La mini Imu dovrà essere versata anche sulle pertinenze della prima casa, come i box.

Per sapere se i Comuni hanno stabilito un'aliquota più alta di quella statale, basta consultare la delibera che ogni comune ha pubblicato sul suo sito e se non compare bisognerà prendere come riferimento quella del 2012. Da quanto reso noto, la mini Imu sarà più cara a Milano, Napoli, Catania, Ancona, Potenza, Catanzaro e Perugia dove l'aliquota prevista è quella massima dello 0,6%; seguite da Genova (0,58%), Torino (0,575%), Roma, Bologna, Campobasso (0,5%) e Palermo (0,48).

Certo, vi saranno anche Comuni che non pagheranno la Mini Imu, come, ad esempio, Firenze, Bari, Venezia, Aosta, Bolzano, Trento, Udine, Pescara, L'Aquila, Trieste e Cagliari, solo per citarne alcuni.

Ricordiamo che non la Mini Imu non la pagano solo le prime case, ma anche una altra serie di immbili tra cui i terreni agricoli, che abbiamo spiegato in questo articolo

La lista di tutti gli altri comuni dove si paga la mini Imu sulla prima casa è reperibile in questo link. Per sapere quanto si dovrà versare di mini Imu, bisogna rivalutare del 5% la rendita catastale dell'immobile; moltiplicare per 160; applicare al risultato l'aliquota decisa dal Comune di appartenenza; sottrarre 200 euro di detrazioni e altri 50 euro per ogni figlio di meno di 26 anni convivente; e ripetere poi la stessa operazione applicando l'aliquota standard dello 0,4%;  sottrarre il risultato della seconda operazione dal risultato della prima operazione; su quello che rimane calcolare il 40% e sarà questa la somma di mini Imu che dovrà essere pagata.

Vi sono anche particolare detrazioni e deduzioni decisi dai singoli Comuni, quindi è sempre meglio consultare il sito del Comune di appartenenza. Alcuni esempi li abbiamo citati in questo articolo, compresi i casi particolare.

Se il risultato non supera i 12 euro, non va effettuato alcun versamento. Se il risultato supera, invece, tale importo, il versamento deve essere effettuato. Per pagare la mini Imu, la Legge di Stabilità aveva previsto che i Comuni inviassero ai contribuenti i bollettini precompilati ma tali bollettini non sono  stati inviati, per cui bisognerà procedere con il pagamento tramite modello F24 o bollettini postali.

Utilizzando il modello F24, bisognerà compilare la sezione Imu e altri tributi locali e inserire nello spazio Codice ente/codice Comune il codice catastale del Comune nel quale si trova l'immobile. Il codice tributo da indicare per le prime abitazioni è 3912, per i terreni agricoli codice 3914.

Si può pagare la mini Imu anche con il bollettino postale, con il numero di conto corrente 1008857615. Chi pagherà in ritardo dovrò ricordarsi di ricalcolare l'importo con la mora, altrimenti rischierà una maggiorazione fino al 30% dell'importo totale. La scadenza di pagamento è fissata per venerdì 24 gennaio.

Il calcolo può avvenire online, tramite ad esempio questi servizi online che abbiamo qui indicato (tra cui anche il nostro) che permettono la compilazione automatica dello F24 e dei bollettini postali.

Vi ricordiamo anche la nostra guida, basata su domande e risposte che può essere davvero molto utile, per capire in modo rapido e intuitivo come fare ( calcolo, compilazione modelli pagamento, pagamento con la Mini Imu).
Inoltre, vi sono servizi di domande e risposte per risolvere i dubbi e i problemi, tra cui anche il nostro, con una serie di esperti che rispondono. Li abbiamo raccolti in questo articolo.

Commenta La Notizia!