Virus Polizia Postale blocca PC e chiede 100 euro: nuova ondata. Cosa fare

Torna il virus che simula un avviso della Polizia Postale per reati di vario tipo. Non bisogna pagare i 100 euro richiesti, ma eliminare il file infetto.

virus polizia postale cento euro
 

Non c'è solo il caldo che arriva a ondate nel nostro Paese: anche un virus informatico, in questi ultimi giorni, si sta riguadagnando l'attenzione delle cronache per una nuova “epidemia” che sembra stia colpendo parecchi computer. Se siete stati infettati ve ne accorgerete subito: al prossimo avvio del vostro computer vi troverete il sistema operativo bloccato, il desktop viene nascosto e il task manager non funziona più: al loro posto appare una pagina con la riproduzione del logo del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic).

Questa pagina avvisa l'utente che la polizia postale ha bloccato il suo computer perché l'utente ha visitato alcuni siti pedopornografici oppure perché ha violato una serie di altre leggi, minacciando non meglio definite sanzioni pecuniarie.

Un virus che è anche una truffa bella e buona: questo messaggio fasullo del Centro nazionale anticrimine informatico, infatti, per sbloccare il computer richiede il pagamento di 100 euro da versare via Internet (o con carta di credito o con carte prepagate) alla questura di San Bonifacio o altre questure.

È ovvio che la Polizia postale non invierebbe mai questo tipo di comunicazione agli utenti, né tanto meno li inviterebbe a pagare una sanzione direttamente con carta di credito: in caso di reati le comunicazioni della Polizia postale sono ben diverse. E, nel caso si tratti di reati legati alla pedopornografia, difficile che ce la si possa cavare con una multa di un centinaio di euro.

Se siete stati infettati, potete provare a rimuovere il virus, riavviando il computer in modalità provvisoria e avviando una finestra di comando (Esecuzione automatica, prompt, DOS) ed eliminare il file wpbto.dll. Al successivo riavvio, dovrebbe essere tutto a posto. In caso non sia stato riabilitato il task manager, aprite il registro di sistema e impostate su 0 il valore di HKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftWindowsCurr entVersionPoliciessystem –> DisableTaskMgr.

E, infine, non dimenticate mai di tenere l'antivirus sempre aggiornato e di non aprire mai i file sospetti che scaricate o che ricevete via email. Oppure passate a Linux come sistema operativo, che i virus non sa nemmeno cosa siano!