Maturità 2013: prima prova. Titoli e autori. Le ultime informazioni trapelate online

Le indiscrezioni suggeriscono la scelta di un autore del Novecento nella prova sull'analisi del testo. Lo scorso anno è stato il turno di Montale.

Maturità 2013: prima prova
 

Oltre al ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza, solo un dirigente è a conoscenza delle tracce da sottoporre agli studenti agli esami di maturità. E solo mezz’ora prima dell’inizio delle prove sarà rivelata la password per accedere al plico elettronico. Si tratta della stessa procedura introdotta lo scorso anno dall’ex ministro Francesco Profumo. Ma come accade tutte le volte, ecco puntuale anche questa volta il toto tracce. Ebbene, per quanto riguarda l'analisi del testo, viene suggerita con insistenza l'indicazione di un autore del Novecento, già studiato nel corso dell'anno scolastico.

Non si tratta di una fuga di notizie, ma di un suggerimento che prende le mosse dalle strategie ministeriali. D'altronde, basta vedere le scelte degli ultimi tre anni: nel 2012 Montale, nel 2011 Ungaretti, nel 2010 Primo Levi. Gli esami di maturità inizieranno martedì 19 giugno con la prova di italiano. Si proseguirà il giorno successivo con quella di latino al classico e quella di matematica allo scientifico. Il 24 giugno, infine, gli studenti italiani saranno alle prese con il cosiddetto quizzone ovvero la terza prova decisa in autonomia da ogni scuola da professori e commissari.

Stando alle voci che si rincorrono da tempo, questo test potrebbe essere sostituito, inizialmente in via sperimentale, dalla prova Invalsi con cui, lunedì 17 giugno, saranno alle prese gli alunni della terza media. Anche quest'anno sarà in vigore il cosiddetto bonus maturità ovvero l’aggiunta di punti al risultato dei test d’ammissione per accedere alle facoltà a numero chiuso. In buona sostanza, gli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori che otterranno il diploma con almeno 80 centesimi avranno la possibilità di guadagnare da 4 a 10 punti da sommeranno all’esito del test nazionale per l’ammissione alle facoltà di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Architettura e Professioni sanitarie.