E-commerce in Italia in crescita ma ancora numerosi problemi e limiti

Il commercio elettronico cresce in tutto il mondo e anche in Italia. Ma si potrebbe certo fare di più.

commercio elettronico ecommerce italia
 

Cresce sempre di più l’e-commerce in Italia, anche se gli utenti di Internet del nostro paese continuano ad acquistare meno di quelli di altri paesi europei. Le cifre raccontano che solo il 34% degli utenti italiani decide di acquistare online, contro il 90% del Regno Unito, l’87% in Germania, il 79% in Francia e il 50% in Spagna.



Ma secondo le ultime ricerche i dati sono destinati a cambiare nel breve termine, basti pensare infatti che l’8% degli shopper offline ha dichiarato di volere utilizzare l’e-commerce nei prossimi dodici mesi. A far ben sperare è anche il buon periodo che sta attraversando in questo periodo il connubio tra e-commerce e il negozio fisico nel nostro paese; secondo i dati pubblicati recentemente dall’AIRES, l’associazione che riunisce le principali catene di negozi di elettronica di consumo, emerge una maggiore dimestichezza dei clienti italiani nell’utilizzo dei negozi elettronici dei grandi gruppi, che spesso e volentieri si traduce nell’acquisto direttamente nel negozio, mentre solo un 10% degli intervistati ha rivelato di riuscire a gestire completamente l’ordine e l’acquisto online. L’utente italiano insomma comincia a rapportarsi sempre di più con l'online anche se rimangono ancora grossi problemi, sia di alfabetizzazione informatica che di carattere tecnico.

È quanto afferma anche una ricerca di Cushman&Wakefield, che piazza il nostro paese al ventottesimo posto (su 50) nella speciale classifica per quanto riguarda lo sfruttamento e lo sviluppo del settore. Secondo la ricerca infatti l’Italia sarebbe, per ampiezza, un mercato molto promettente, ma la scarsa dimestichezza con i computer fa sì che l’utente medio tenda a fidarsi poco del commercio elettronico. A questo, sempre secondo la ricerca, va aggiunto il fatto culturale che in Italia funziona ancora meglio che in ogni altra parte del mondo lo shopping tradizionale, quello che, peculiarità tutta italiana, consente il pagamento con i contanti.