Cloud Computing ibrido 2015 la tendenza che inevitabilmente si affermerà. Per alcuni

Già da questo anno diventa sempre più necessario, soprattutto per le aziende, far affidamento su un sistema cloud di tutto rispetto.

Cloud
 

Già da questo anno diventa sempre più necessario, soprattutto per le aziende, far affidamento su un sistema cloud di tutto rispetto, in modo da cominciare a gestire in modo innovativo i servizi offerti al pubblico.

L'obiettivo del cloud computing è quindi quello di raggiungere la maggior parte delle aziende che specialmente qui in Italia non si sono ancora adeguate al cambiamento.

Per quanto riguarda l'estero, la situazione prevede sempre più investimento per riuscire a incrementare i servizi cloud rivolti ad un uso pubblico, specialmente nel caso dell'Australia, dove questi investimenti hanno raggiunto la cifra di 1,23 miliardi di dollari, con una previsione di quattro volte superiore entro il 2017.

A livello globale, invece, è stato stimato che la spesa complessiva raggiungerà quota 250 miliardi dollari. Tutto ciò però è stato reso possibile solo grazie alla corsa al ribasso tra i principali fornitori di cloud, ovvero Google, Microsoft e Amazon, che hanno abbassato i prezzi più volte durante il corso dell'anno passato.

Si punta molto soprattutto al cloud ibrido, che prevede una via di mezzo tra il cloud privato e quello il pubblico, giocando sui punti di forza di entrambi i servizi per creare un'infrastruttura mantenuta sia dal cloud stesso che da un provider esterno, soluzione in sostanza ottimale per tutte quelle aziende che hanno un’infrastruttura consolidata e che vogliono migrare verso un cloud pubblico.

Ci sono anche altri esempi di come invece si stia puntando tutto sul cloud, come nel caso di Huawei, che ha studiato diverse soluzioni per semplificare i propri provider, con due i due servizi che prendono i nomi di “Cloud Fabric Data Center Network” e “Agile Branch”.

Resta da vedere, quindi, come le aziende italiane si adegueranno a questo tipo di servizi, in modo da portare avanti una digitalizzazione del Paese che ancora tarda davvero ad arrivare e che potrebbe portare forti ricavi e punti in più per il Pil interno.