IMU 2013: Palermo, Trento, Venezia, Trieste e altre città. Aliquote e calcolo seconde case e aziende

Pubblicità

Il governo Letta ha sospeso il pagamento della prima rata IMU 2013 soltanto per alcune categorie di immobili. L’acconto va versato entro il 17 giugno per seconde case e fabbricati aziendali.

Calcolo Prima Rata Acconto IMU 2013 Palermo Trento Venezia Trieste Aliquote
Lorenzo Pascucci 

Con decreto legge n. 54 del 21 maggio 2013, il Governo Letta ha sospeso il pagamento della prima rata IMU 2013 per i seguenti immobili: abitazione principale e relative pertinenze; unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari o dagli enti di edilizia residenziale pubblica; terreni agricoli; fabbricati rurali strumentali.

Per tutti gli altri casi, inclusi fabbricati aziendali, aree fabbricabili e seconde case, il termine ultimo entro cui effettuare il pagamento della rata di acconto IMU 2013 è fissato al 17 giugno 2013.

Per il calcolo dell’importo della prima rata IMU 2013 è necessario fare riferimento alle aliquote IMU deliberate dai Comuni e alla base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto. Per determinare la base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto occorre moltiplicare le rendita catastale vigente al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutata del 5%, per uno dei seguenti moltiplicatori distinti per categoria di immobile:

160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A (esclusi A/10) e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7;

140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5

80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5

80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10

65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5

55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

Gli esperti de Il Sole 24 Ore hanno elaborato e reso disponibili online dettagliati diagrammi che permettono di conoscere, per ciascuna delle principali città italiane, le aliquote di riferimento per calcolare la prima rata IMU 2013 relativa agli immobili soggetti all’imposta. Fra le città in esame, Palermo, Trento, Venezia e Trieste, Torino, Genova, Firenze e Bari, Roma, Milano, Napoli e Bologna.
 

Commenta La Notizia!