IMU 2013: Milano, Bologna, Napoli, Roma, Torino. Aliquote più alte e difficoltà calcolo. I motivi

Pubblicità

In arrivo aumenti sull’IMU. Alcuni comuni hanno già comunicato di aver innalzato le aliquote per la prima e la seconda abitazione. Tabella definitiva dopo il 16 maggio.

IMU 2013 più alta
Lorenzo Pascucci 

Da provvisoria, l’IMU rischia di divenire definitiva. E molto più cara. Stando uno studio del Servizio politiche territoriali della UIL, pubblicato dal quotidiano la Repubblica, sono in arrivo sostanziosi aumenti sulla tassa della casa. In alcuni comuni, in particolare, sono previste crescite sia per la prima che la seconda abitazione come ad Asti. In altri gli aumenti sono previsti solo per la prima casa come a Bologna e Napoli. In altre ancora, la differenza rispetto a quanto finora pagato riguarda la seconda casa: Aosta, Ferrara, Pavia, Salerno Treviso.

Aliquote confermate per Avellino, Cesena, Forlì, Pisa, Pistoia, Sondrio, Trento, Udine. Timidi sorrisi per Carbonia e Pavia dove è previsto un calo dell’IMU da pagare rispettivamente per la seconda e la prima casa. Ma questo è solo l’inizio. Le amministrazioni comunali hanno tempo fino al 16 maggio per rifare i loro calcoli e modificare le quote che i cittadini dovranno versare. Si accennava alle difficoltà di abolizione della tassa nel 2015, come inizialmente prospettato. Bankitalia e Corte dei Conti si sono dette preoccupate sulla stabilità del gettito dell’imposta e il governo le ha assecondate chiudendo le porte a eventuali cancellazioni.

A ogni modo, la questione IMU finirà presto nell’agenda del nuovo governo Letta. Il PDL chiede non solo la sua abolizione, ma anche la restituzione ai cittadini di quanto finora versato. Secondo Renata Polverini, ad esempio, le urgenze sono "lavoro, economia, famiglia e su questo noi abbiamo otto punti di rilievo che chiediamo possano entrare nel programma: dalla riforma della giustizia a quella del sistema fiscale fino all’abolizione e restituzione dell’IMU e la revisione dei poteri di Equitalia".
 

Commenta La Notizia!