IMU 2013: rata giugno. Come e quando si paga. Aliquote, scadenze seconda casa,capannoni,aziende

La sospensione del pagamento dell’acconto IMU di giugno 2013 riguarda soltanto alcune tipologie di fabbricati. Per le altre, valgono le aliquote in vigore nel 2012. Calcolo e versamento.

IMU 2013 Come Quando Pagare Acconto Rata Giugno Aliquote Detrazioni Calcolo Compilazione
 

Meno di due settimane separano i contribuenti dal termine ultimo entro cui versare la prima rata IMU 2013. La scadenza è infatti fissata al 17 giugno 2013. IMU, si ricorda, sta per Imposta Municipale Propria. Un’imposta che si applica al possesso di qualunque immobile.

Prima casa di lusso. Seconda casa. Capannoni e impianti industriali. Alberghi. Uffici e negozi. Cantine e box auto. Queste le tipologie di fabbricati per le quali si deve pagare l’acconto IMU di giugno 2013.

Pagamento sospeso, invece, per la prima casa non di lusso e relative pertinenze, i terreni agricoli, i fabbricati rurali strumentali, le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari, gli alloggi assegnati dagli IACP e dagli enti di edilizia residenziale pubblica.

Anche le persone anziane e con disabilità ricoverati e residenti in istituti di cura non sono tenuti a versare l’acconto IMU di giugno 2013, nei casi in cui i Comuni abbiano assimilato gli istituti stessi a prima casa, e sempre che le abitazioni lasciate non siano state affittate. Sospensione anche per l’abitazione assegnata al coniuge in sede di separazione legale, anche se considerata prima casa. 

A dover pagare la prima rata IMU 2013 non sono soltanto i proprietari degli immobili di cui sopra, ma anche i titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, nonché i concessionari nel caso di concessione di aree demaniali, e i locatari nel caso di leasing.

Per l’acconto IMU 2013 di giugno valgono aliquote e detrazioni in vigore nel 2012. Per consultare regolamenti e delibere dei Comuni in materia di IMU è possibile fare riferimento a un servizio online reso disponibile dal Dipartimento delle Finanze.

Per calcolare l’importo della prima rata IMU 2013 si consiglia invece di affidarsi al simulatore online messo a punto da Webmasterpoint. Lo strumento consente anche di generare il modello F24 precompilato, per stamparlo e quindi impiegarlo per effettuare i pagamenti. In alternativa al modello F24 è possibile versare l’acconto IMU tramite il bollettino di conto corrente postale approvato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, disponibile presso gli uffici postali dislocati sul territorio nazionale.

Il pagamento dell’acconto IMU di giugno 2013 può essere eseguito presso gli uffici bancari e postali oppure tramite servizi di home banking. Si ricorda che i titolari di partita IVA sono obbligati a pagare la prima rata IMU attraverso servizi telematici.
 

Commenta La Notizia!