IMU 2013: calcolo e compilazione F24 o bollettino.Codici tributi seconda casa, aziende,capannoni,box

Per calcolare la prima rata IMU 2013 servono le aliquote deliberate dai Comuni e la base imponibile. Per compilare il modello F24 o il bollettino di c.c. postale si devono usare i codici tributo.

IMU 2013 Calcolo Compilazione Guida
 

Con apposito decreto legge, il Governo Letta ha sospeso per tre mesi il versamento della prima rata IMU 2013 relativa alle seguenti tipologie di immobili: abitazione principale (con esclusione di abitazioni signorili, ville e castelli); unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivise, adibite ad abitazione principali e alloggi IACP; terreni agricoli e fabbricati rurali strumentali.

Sono invece chiamati a versare l’acconto IMU entro il 17 giugno 2013 i proprietari di immobili a uso produttivo (fabbricati aziendali, capannoni etc.), aree fabbricabili e seconde case.

Per calcolare l’importo della prima rata IMU 2013 è necessario conoscere le aliquote IMU deliberate dai Comuni italiani e determinare prima la base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto. Quest’ultima si ottiene moltiplicando la rendita catastale rivalutata del 5% per i coefficienti di riferimento per ciascuna categoria di immobile soggetta alla Imposta Municipale Propria.

Gli utenti di Internet possono fruire del nostro simulatore online per il calcolo IMU 2013. Uno strumento gratuito che permette di calcolare l’importo dell’acconto IMU e di ottenere una previsione sul saldo totale da versare per il 2013.

Per il pagamento della prima rata IMU 2013, i contribuenti possono utilizzare il modello F24 oppure il bollettino di conto corrente postale approvato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e messo a disposizione da Poste Italiane.

Il modello F24 è diviso in “Sezioni”, ciascuna delle quali presenta i campi che il contribuente deve compilare. I campi principali sono quelli relativi a: Contribuente, Coobbligato, Codici tributo, Anno/periodo di riferimento, Regioni, IMU e altri tributi locali. Le istruzioni per la compilazione del modello F24 sono disponibili presso il sito web dell’Agenzia delle Entrate. In merito al bollettino di conto corrente postale, si rende noto che il numero di c.c. è 1008857615, valido per tutti i Comuni e intestato a Pagamento IMU.

Per quanto riguarda i codici tributo, a quelli dello scorso anno ne sono stati aggiunti due con la risoluzione 33/E per i fabbricati a uso produttivi: 3925 per la quota statale ad aliquota dello 0,76% e 3030 per l’eventuale maggiorazione comunale fino allo 0,3%. Per le abitazioni principali in categorie catastali di pregio il codice tributo di riferimento è 3912. Per i fabbricati non appartenenti alla categoria D si deve usare il codice tributo 3918, mentre per le aree fabbricabili il codice tributo 3916.
 

Commenta La Notizia!