IMU 2013: calcolo e compilazione F24-bollettino postale. Esempi con immagini seconda casa, aziende

Come calcolare l’importo della prima rata IMU 2013 da versare entro il 17 giugno. Come compilare i modelli F24 e il bollettino di conto corrente postale.

IMU 2013 Calcolo Prima Rata Giugno Compilazione Modelli F24 Bollettino Conto Corrente Postale Esempi Immagini
 

Prima casa di lusso, seconda casa, aziende, capannoni, uffici, box. Sono gli immobili per i quali i contribuenti sono chiamati a calcolare l’importo della rata IMU 2013, compilare i modelli F24 o il bollettino di conto corrente postale, effettuare i pagamenti entro il 17 giugno prossimo.

Per l’acconto IMU di giugno 2013 valgono aliquote e detrazioni in vigore nel 2012, ha spiegato il Dipartimento delle Finanze. La struttura del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso disponibile online un servizio che consente ai contribuenti dotati di connessione a Internet di accedere a regolamenti e delibere IMU di tutti i Comuni italiani.

L’importo della prima rata IMU 2013 si calcola sulla base imponibile degli immobili iscritti in catasto. La base imponibile si determina moltiplicando la rendita catastale rivalutata del 5% per i coefficienti di riferimento per ciascuna categoria di fabbricato.

Chi dispone di una connessione alla Rete può affidarsi al simulatore online per il calcolo IMU 2013 messo a punto da Webmasterpoint. Si tratta di uno strumento gratuito che permette sia di calcolare la cifra da versare entro il 17 giugno 2013 sia di ottenere una previsione del saldo totale per l’intero anno.

Dopo il calcolo IMU 2013, la compilazione dei modelli F24 o del bollettino di conto corrente postale approvato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. In questo passaggio entrano in gioco i codici tributo.

Per la prima casa di lusso, il codice tributo è 3912. Per gli immobili che non appartengono alla categoria D, il codice tributo è 3918. Per le aree fabbricabili, il codice tributo è 3916. Per gli immobili a uso produttivo, il codice tributo è 3915 per la quota calcolata secondo aliquota ordinaria dello 0,76%, mentre in caso di eventuale incremento deliberato dal Comune il codice tributo è 3030.

Se si usa il modello F24 EP, il codice tributo per l’importo con aliquota standard è 395E, quello per l’importo con addizionale è 360E.

Gli esperti di BusinessVox hanno reso disponibili online alcuni esempi di calcolo della prima rata IMU 2013 e compilazione dei modelli F24 e del bollettino di conto corrente postale, con relative immagini esplicative. Un primo esempio riguarda i fabbricati non appartenenti al gruppo catastale D con ipotesi di diminuzione dell’aliquota e possesso al 100%. Un secondo esempio è inerente agli immobili non di categoria D, con aliquota base e possesso al 50%. Un terzo esempio muove dall’aumento dell’aliquota e dal possesso al 100%. BusinessVox ha anche fornito un esempio pratico riguardante i fabbricati di categoria D.
 

Commenta La Notizia!