Governo Renzi: aumento busta paga 80 euro al massimo. NovitÓ settimana e attesa DEF 2014 domani martedý 8 per capire chi lo avrÓ

Ancora una decina di giorni di attesa prima di conoscere tutti i dettagli in merito agli sgravi fiscali promessi dal governo Renzi ai lavoratori dipendenti.

Governo Renzi: aumento busta paga da 1 maggio 80 euro massimo
 

Le detrazioni Irpef ai lavoratori, previste dal governo Renzi, dovrebbero portare 80 euro in più in busta paga da maggio per i redditi inferiori ai 25.000 euro l'anno. La misura, nelle intenzioni dell'esecutivo, sarà inserita in un decreto all'esame del Consiglio dei ministri fra una decina di giorni. I prossimi saranno invece i giorni dell'elaborazione del Documenti di economia e finanza, alla base di ogni progetto di riforma e di taglio alla spesa pubblica.

Il premier Matteo Renzi a "Otto e mezzo", trasmissione serale condotta da Lilli Gruber e in onda su La7 ha fissato la roadmap per la detrazione Irpef sulle buste paga: "Entro il 15 o il 16 aprile il Consiglio dei ministri per sbloccare i denari". Il taglio dell'Irap a favore delle imprese ammonterà al 10% dal primo maggio, ha annunciato il presidente del Consiglio. Sarà finanziato con l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie. Infine, la Farnesina ha proposto un risparmio di 108 milioni di euro in 3 anni con interventi che riguardano anche una revisione del trattamento economico del personale all'estero.

Nel dettaglio sono previsti la riorganizzazione della rete diplomatica, i contributi agli organismi internazionali, la razionalizzazione dei patrimoni immobiliari all'estero, la revisione dei trattamenti economici del personale all'estero. Più nel dettaglio, la manovra sarà finanziata dai risparmi della spesa pubblica e dalla minore spesa per gli interessi sul debito.

Da segnalare che ammonta a 18,4 miliardi di euro il fabbisogno registrato a marzo. Il miglioramento, dai quasi 22 miliardi di euro del primo trimestre 2013, è dovuto ai maggiori incassi dalle accise e dall'Iva, quest'ultima salita del 6% grazie agli scambi interni.

Secondo le più recenti simulazioni sui risparmi Irpef nelle ipotesi alternative di fasce di reddito dei lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato fino a 15.000 euro (oltre 4 milioni di beneficiari), fino a 20.000 euro (oltre 7 milioni di beneficiari), fino a 30.000 euro (oltre 13 milioni di beneficiari), fino a 35.000 euro (oltre 14 milioni di beneficiari), fino a 40.000 euro (oltre 15 milioni di beneficiari) e fino a 55.000 euro (oltre 16 milioni di beneficiari), le aggiunte nelle buste paga dei lavoratori sarebbero rispettivamente di 200 euro, 107 euro, 63 euro, 57 euro, 54 euro e 51 euro.

Commenta La Notizia!