Google vuole riconsegnare i dati alla proprietà degli utenti. Nasce il Data Liberation Front.

Pubblicità

Google fonda il Data Liberation Front, un engineering team interno all'azienda di Mountain View che ha come obiettivo rendere semplice per gli utenti il trasferimento dei dati personali dentro e fuori i servizi di Google.

Redazione 

Rendere semplice per gli utenti il trasferimento dei dati personali dentro e fuori i servizi di Google. È l’obiettivo del Data Liberation Front, un engineering team interno all’azienda di Mountain View, nato circa due anni fa per iniziativa di Brian “Fitz” Fitzpatrick.

Facciamo questo, spiegano i membri del Data Liberation Front, perché crediamo che ogni dato che l’utente ha creato o importato all’interno di un prodotto e di un servizio sia di proprietà dell’utente stesso. Il gruppo aiuterà le altre squadre di informatici che lavorano in Google nello sviluppo di strumenti in grado di liberare i rispettivi prodotti e servizi, attraverso la costruzione di semplici funzioni di importazione ed esportazione.

Le persone, si legge nella presentazione del Data Liberation Front, solitamente non si preoccupano di verificare la possibilità di esportare i propri dati da un prodotto fino a quando non decidono di voler lasciare quel servizio. Per questa ragione, il DLF suggerisce all’utente della Rete di porsi (e di porre) sempre tre domande prima di iniziare a usare un prodotto che conserverà i suoi dati: posso esportare tutti i miei dati? Quanto costa liberare i miei dati da quel servizio? Quanto tempo impiegherò? Le tre risposte ideali del DLF sono, nell’ordine: sì, niente di più di ciò che sto pagando ora, meno tempo possibile.

L’obiettivo del Data Liberation Front è proprio fornire strumenti semplici, gratuiti, che ottimizzino le procedure di esportazione e importazione nel minor tempo possibile, in qualsiasi momento e tramite qualsiasi dispositivo.

Autore: Arianna Bernardini

Ultimi articoli correlati:

Commenta La Notizia!