Riforma pensioni Letta: età e contributi uscita uomini-donne, lavoratori precoci non siano uguali

Con la Riforma Fornero, tutti i lavoratori vanno in pensione con le stesse regole. Indipendentemente dalla tipologia di attività svolte e dal genere.

Riforma Pensioni Governo Letta Lavoratori Precoci Lavori Usuranti Differenze Genere
 

Lavoratori precoci, differenze di genere, e lavori usuranti sono questioni all’attenzione del Governo Letta e del Parlamento. Le forze politiche che sostengono l’esecutivo, e quelle che vi si oppongono, sono tutte chiamate a intervenire in materia di pensioni, modificando le norme della Riforma Fornero che hanno prodotto danni, e ridefinendo nel lungo termine il sistema previdenziale italiano.

Per lavori usuranti si intende, in generale, lavorazioni particolarmente faticose e pesanti. La disciplina sull’accesso al pensionamento di anzianità per gli addetti ai lavori usuranti è stata completamente revisionata nel corso del 2011. Ma da più parti si invocano nuovi interventi, perché «non è vero che tutti possano andare in pensione alla stessa età a prescindere dai lavori che hanno svolto», ha evidenziato Giorgio Airaudo in un’intervista resa a ilSussidiario. «Stare alla catena di montaggio, fare il muratore o la maestra d’asilo non è come fare il professore universitario o lavorare in ufficio», ha detto il capogruppo di Sel (Sinistra Ecologia Libertà) in Commissione Lavoro. Per Airaudo, inoltre, nel riformare le pensioni si devono anche reintrodurre le differenze di genere.

Secondo il parlamentare di Sel, la questione dei lavori usuranti non è stata ancora affrontata in maniera adeguata. «Nonostante la letteratura scientifica e gli studi della medicina del lavoro abbondino, una compilazione seria e dettagliata delle ripercussioni che i diversi lavori sortiscono sulle aspettative di vita non è mai stata fatta. Di conseguenza, la disciplina pensionistica non ha mai tenuto conto della questione».

Sul tavolo del Consiglio dei Ministri finirà senza dubbio anche la questione dei lavoratori precoci, ovvero delle persone che hanno iniziato a lavorare prima dei 19 anni. Dal 2018 sarà applicata una penalizzazione dell’1% sull’assegno pensionistico per ciascun anno mancante nei due anni precedenti ai 62 anni (60 e 61), e del 2% per ogni anno ulteriore di anticipo (59 anni e precedenti).

Di fatto, con la Riforma Fornero delle pensioni, non si può neanche parlare in senso proprio di lavoratori precoci, perché tutti i lavoratori andranno in pensione con le stesse regole.

Ciò che si chiede in sostanza al Governo Letta è di verificare la possibilità di fornire risposte più calibrate sulle differenti situazioni lavorative, in riferimento all’età, alla differenza di genere, alla tipologia di lavori svolti.