Riforma pensioni: novità Damiano, Giovannini e Renzi con Epifani indirettamente. Nuove proposte e modifiche 2014

Cosa potrebbe cambiare nel sistema delle pensioni in Italia con la possibile sostituzione del ministro del Lavoro Enrico Giovannini con Guglielmo Epifani.

Riforma pensioni: Damiano, Giovannini e indirettamente Renzi
 

Un eventuale rimpasto nel governo potrebbe portare novità nel campo delle pensioni. Già, perché a essere in ballo c'è lo stesso ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Enrico Giovannini. Il toto ministri prevede una sua sostituzione con l'ex segretario della CGIL e del Partito Democratico Guglielmo Epifani. Una sua presenza sarebbe vista di buon occhio dalle stesse organizzazioni sindacali e dallo stesso Matteo Renzi, ora alla guida del PD. Certo, occorre poi verificare la compatibilità sul campo, anche perché nel Job act del sindaco di Firenze non sono previsti grandi spazi per la riforma delle pensioni.

Qualche ritocco è stato piuttosto previsto nell'ambito delle cosiddette pensioni d'oro. A proposito di Partito Democratico, ha fatto sentire la sua voce Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati e già depositario di un progetto di legge di riforma delle pensioni sulla base di una tabella di incentivi e penalizzazioni. Il Job act di Renzi? "Propone la semplificazione attraverso un codice del lavoro. Non vorrei però che la semplificazione la si scambiasse con la de-regolazione, cioè con la diminuzione dei diritti".

Da segnalare che in questi ultimi giorni lo stesso Giovannini ha rispolverato due delle proposte già avanzate in passato. La prima è l'introduzione della busta arancione per consentire ai contribuenti di conoscere la propria posizione ai fini della pensione e magari intervenire con forme di previdenza complementare. In seconda battuta non ha perso d'attualità l'idea del prestito previdenziale da concedere ai lavoratori privi di ammortizzatori sociali e ai disoccupati con 62 ani di età e 35 di contributi. Non è altro che un aiuto economico per congedarsi dal lavoro.