Concorso scuola 2012: domande online da sabato 6 ottobre. Come fare iscrizione test e prove

Fra pochi giorni sarÓ dato il via alle iscrizione al concorso per insegnanti. Ci sono 30 giorni di tempo per presentare la domanda.

Dal 6 ottobre Ŕ possibile candidarsi al concorso scuola 2012
 

Ha preso forma il concorso per insegnati finalizzato alla copertura di 11.542 posti e cattedre di personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado. Sarà su base regionale e c'è tempo fino alle ore 14 del 7 novembre (e a partire dal 6 ottobre) per inoltrare la propria candidatura. La domanda di partecipazione deve essere presentata in una sola regione, ma è possibile concorrere per uno o più posti ovvero per una o più classi di concorso. Ma attenzione, la domanda è comunque unica. Non ci sarà alcuna raccomandata da spedire. L'istanza va depositata esclusivamente via web.

Prima delle prove scritte i candidati devono superare una prova di preselezione, unica per tutti i posti e le classi di concorso e per tutto il territorio nazionale, secondo un calendario che sarà reso noto il 23 novembre sulla Gazzetta Ufficiale. Lo scopo del test è l’accertamento "delle capacità logiche, di comprensione del testo, delle competenze digitali nonché delle competenze linguistiche in una delle seguenti lingue comunitarie a scelta del candidato: inglese, francese, tedesco e spagnolo". Più nello specifico si tratta di 50 domande a risposta multipla (4 possibili opzioni) su capacità logiche (18 domande), capacità di comprensione del testo (18 domande), competenze digitali (7 domande), conoscenza della lingua straniera (7 domande).

I candidati avranno a disposizione una postazione informatica alla quale accedere tramite un codice di identificazione personale fornito nel giorno della prova. Sul web sono già presenti i primi siti per esercitarsi. Tuttavia, all'orizzonte si profila il ricorso dell'ANIEF, il sindacato dei precari e dei ricercatori: "Non possiamo accettare che il concorso a cattedra escluda tutti i laureati dell'ultimo decennio (esclusi coloro che si sono laureati dopo il 2003) e i docenti già di ruolo: si tratta di esclusioni clamorose, di cui il ministero dell'Istruzione dovrà dare spiegazione in tribunale".

Contro il concorso, per i soli vizi di legittimità, è ammesso ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, o ricorso giurisdizionale al competente Tribunale Amministrativo Regionale, entro 60 giorni, dalla data di pubblicazione.
 

Commenta La Notizia!

Ci sono 1 commenti