Stipendi manager IT, CIO e responsabili informatici. Qualità e caratteristiche richieste.

Uno studio di Michael Page International rivela le cifre degli stipendi tributati ai manager IT e le caratteristiche dei ruoli direttivi.

 

Capacità di governance a 360°: è il profilo ideale ricercato nel settore dell’Information and Communication technology, dove le aziende richiedono ai manager una professionalità poliedrica, capace di rispondere alle esigenze tecnologiche, ma anche votata agli obiettivi di business.

È quanto afferma uno studio di Michael Page International, società inglese tra le più importanti a livello internazionale nella ricerca e selezione di personale specializzato di medio e alto profilo.

Il mercato italiano e quello internazionale sono caratterizzati da tempo da uno slittamento della funzione IT da semplice divisione di staff verso un ruolo maggiormente strategico, che si concretizza in un crescente coinvolgimento del management tecnologico, il Chief information officer, su tematiche orientate al business. In altre parole, le scelte informatiche sono prese alla luce degli obiettivi di crescita e innovazione dell’azienda e non solo in relazione a esigenze squisitamente tecniche.

C’è, poi, un altro aspetto che connota il nuovo modello aziendale che si sta affermando: le imprese sono sempre più orientate all’integrazione con l’esterno, che si realizza spesso con l’inserimento di figure IT all’interno delle diverse aree aziendali, su progetti temporanei o anche permanenti.

Michael Page International pone l’accento anche sulla difficoltà delle aziende nel reperire profili di middle management (35.000 – 65.000 euro), a causa della riduzione degli investimenti in formazione su figure professionali junior.

È interessante, anche al fine di capire quanto alcune figure costino in termini aziendali, conoscere gli stipendi medi di CIO e di altre figure IT.

La media del CIO si attesta sui 135 mila euro annui, cui segue l’IT Manager (63.500 euro). Al terzo posto, sempre come stipendio medio, si piazza il Datacenter Virtualization Architect (60.000 euro), seguito da DB Administrator (54.000 euro).

Sotto ai 50 mila euro troviamo: il Responsabile Networking (49.500 euro), l’IP Planner Core Network (47.500 euro), i Consulenti ERP (45.500 euro), l’IT Security Manager (44.500 euro), il Technical Architect (42.500 euro) e, infine, gli Esperti .Net/Java/J2EE (41.000 euro).

Autore: Pierluigi Emmulo

Ultimi articoli correlati: