Aereo Malesia scomparso 2014: novità e ipotesi aggiornate. Attacco militare, dirottamento,traffico esseri umani, UFO, ma non solo

Spunta l'ultimo messaggio lanciato dal vice comandante dell'aereo in volo tra Kuala Lumpur e Pechino: 'Il Boeing è stato dirottato dai piloti'.

Aereo Malesia scomparso 2014: novità e ipotesi
 

Che fine ha fatto il Boeing 777 scomparso l'8 marzo 2014 mentre era in volo da Kuala Lumpur a Pechino? L'aereo della Malaysia Airlines, con a bordo 227 passeggeri e 12 membri dell'equipaggio, ha fatto perdere le tracce nella zona compresa tra l'est della Malaysia e il sud del Vietnam. Le certezze sono ben poche e le più recenti fanno riferimento all'ultimo messaggio ufficiale arrivato dal copilota avvenuto a transponder acceso. L'ipotesi che sta prendendo quota è che la tanto discussa impennata fino a 13.700 metri sia servita per stordire i passeggeri. Le ipotesi avanzate sono le più varie, si va dalla pista terroristica a quella emersa in queste ultime ore del traffico di esseri umani.

E se qualcuno tira in ballo perfino gli UFO, non mancano le teorie più varie che si stanno diffondendo via web, come quella che vorrebbe l'interessamento degli uiguri, una minoranza di lingua turca e di religione islamica della Cina occidentale.

Qualcun altro si dice certo di un impatto fra il velivolo e un meteorite o comunque un oggetto dello spazio e chi è pronto a scommettere che si tratta di un montatura e l'aereo sarebbe atterrato in un base segreta per motivi non precisati.

Ma qual è stata la sequenza di questo mistero? Quali i tasselli di un mosaico senza soluzione? Ore 00.41, il volo MH 370 decolla dall'aeroporto di Kuala Lumpur; ore 01.01, il velivolo raggiunge l'altezza di crociera a 35.000 piedi; ore 01.07 l'Acars, il sistema che trasmette i dati sul jet, invia l'ultimo segnale; ore 01.19, le ultime parole dalla cabina: "Tutto ok, buona notte"; ore 01.21 il transponder dell'aereo viene disattivato; ore 01.30 la torre di controllo perde i contatti con il Boeing; ore 01.37 l'Acars non trasmette i dati come previsto: il dispositivo è spento.

E ancora, ore 02.00, l'aereo sale a 45.000 piedi: secondo gli esperti se il jet non è stato pressurizzato bene le persone potrebbero essere svenute; ore 02.15, il velivolo viene rilevato da un radar militare: vola a quota 29.500 piedi; ore 02.25, da questo momento – secondo un'ipotesi – potrebbe aver volato a 5.000 piedi per evitare i radar; ore 08.11, ultimo segnale satellitare: il jet si trovava in due possibili corridoi, quello nord, fino al Turkmenistan, quello sud verso il fondo dell'Oceano Indiano; ore 08.40, a questo punto l'aereo non ha più carburante nei serbatoi.