Marcello Tansini
a- a+

Change Manager

È l'uomo del cambiamento, della rivoluzione high tech aziendale. A lui viene affidato il compito di analizzare e monitorare costantemente l'organizzazione di un'azienda e quando occorre intervenire per migliorarla, utilizzando quelle nuove tecnologie informatiche che ritiene possano portare importanti incrementi all'attività produttiva.

Il Change Manager deve possedere ottime conoscenze riguardo la struttura e i meccanismi delle imprese tradizionali, su cui deve saper intervenire se necessario, ma deve anche costantemente aggiornarsi sui nuovi prodotti e sui processi organizzativi che vengono sviluppati.

La creazione di un sito web aziendale, l'adozione dell'e-commerce, l'implementazione di reti di comunicazione interne ed esterne sono solo alcuni degli aspetti di cui si deve occupare, sviluppandoli spesso ex-novo e coordinandoli armoniosamente con la tradizionale struttura produttiva.

È richiesta una preparazione di tipo economico, quasi obbligatoria una laurea in economia e commercio, meglio con una specializzazione in gestione delle risorse o organizzazione aziendale. Accanto alla formazione tradizionale, vi deve essere una ottima conoscenza delle dinamiche della cosiddetta new economy senza disdegnare una certa preparazione tecnica, molte volte frutto di esperienze sul campo.

Il Change Manager è il nuovo manager delle gestione delle risorse aziendali, per tutte quelle aziende che vogliono crearsi all'interno una sezione ad hoc per seguire gli sviluppi e le possibili applicazioni nel proprio ambito settoriale delle nuove tecnologie.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Staff
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!