Lorenzo Pascucci
a- a+

Introduzione ai database

Un mezzo molto comodo, utile e utilizzato per memorizzare i dati in modo permanente è il database. Infatti Session memorizza i dati solo quando l'utente si trova all'interno del sito (quando esce i dati vengono cancellati), Application non è adatto per memorizzare dati personali per ovvi motivi di carico del server e infine i cookies possono scadere, essere cancellati accidentalmente o appositamente o addirittura disattivati e così inutilizzabili.

Il database è un grande archivio in cui vengono memorizzati dati di qualsiasi genere e grandezza.

I più utilizzati (come ne abbiamo parlato nella guida di SQL) sono quelli MS Access e Sql Server, Oracle, Informix, Sybase, DB2,... ma vedremo che i più diffusi sono quelli Access, in quanto il software è relativamente economico, potente (ci permette di fare tutte le operazioni possibili) e supportato dalla maggior parte dei provider.

Quindi questa guida farà riferimento ai database MS Access, ma il funzionamento è più o meno uguale per tutti.

Per realizzare database di tale tipo abbiamo 2 metodi:
- Utilizzare Microsoft Access (che si trova nel pacchetto MS Office)
- Realizzarlo attraverso una pagina ASP (utilizzando SQL)

COME E' IMPOSTATO UN DATABASE

I database possono contenere una o più tabelle che al loro interno contengono colonne e righe che formano le celle (o records).

Le colonne sono le categorie (sono quelle che contengono determinano i dati) mentre le righe permettono di inserire tutti i dati relativi ad un oggetto. Ecco un esempio di database:

 

ID

Nome Cognome Eta Paese
1 Lorenzo Pascucci 17 Oriolo Romano
2 Marcello Tansini 22 Sesto S. Giovanni



Tutto ciò è una tabella che prenderà un nome, in questo esempio DATI. All'interno di un database si possono trovare anche altre tabelle.

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Redazione
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!