Marcello Tansini
a- a+

Intervista ad Igor Sciarrino

Ciao Igor, facci una breve descrizione di te...
Igor Sciarrino, 27 anni, diploma di maturità d'arte applicata, residente a Trieste, dipingo da quando avevo sei anni.

Le prime esperienze le ha nel campo dell'illustrazione che lo portano ad ampliare le sue conoscenze nel fumetto, nella grafica ed internet, nella fotografia e, per passione, nel cinema.

Si avvicina alla programmazione a 11 anni con il Commodore64, e comprandosi un modem incomincia ad esplorare il mondo della 'piccola' rete come le BBS. Successivamente si getta a capofitto nelle nuove tecnologie da autodidatta, come nell'elettronica e programmazione, imparando l'HTML e ASP.

La sua profonda conoscenza dell'aerografo (14anni di pratica) lo portano ad avvicinarsi alle nuove tecniche creative digitali.

Da quando hai iniziato la tua avventura professionale sul web??
Ho cominciato nel '95 con la mia ditta di grafica pubblicitaria, multimedia ed internet, quando ancora la rete era sconosciuta in Italia. In quel periodo ho prodotto e realizzato alcune pubblicazioni a fumetti con un amico che poi ha continuato da solo creando la casa editrice 'Twilight Comics' con cui collaboro ancora come illustratore. Ma un grande balzo in internet lo ho fatto con Trieste2000.

La tua azienda esattamente cosa fa?
Ci occupiamo della creazione di pubblicità e prodotti multimediali per le piccole-medie imprese, oltre ovviamente a siti internet completi per "tutte le tasche".

Inoltre gestiamo dei siti da noi creati come www.trieste2000.it , www.kaidan.trieste2000.it . Stiamo realizzando altri progetti grafici nel campo della musica e dei videogame.

Quindi non solo Internet, che linguaggi usi e cosa ne pensi di Flash e di Asp??
HTML, JavaScript e VBScript, ASP, applicazioni database in rete, oltre a WML, XML e Flash.

L'ASP è grandioso e con la compatibilità quasi totale dei browser e dei server, le applicazioni sono infinite per la creazione dinamica di contenuti. Discorso diverso per Flash; devo ammettere che si tratta di una tecnologia a dir poco grandiosa, ma si tratta sempre di un plugin di terze parti che non viene aggiornato di pari passo con i browser, rendendo le pagine pesanti ed a volte illeggibili (per i siti completamente in Flash).

Comunque i tempi stanno cambiando e dobbiamo essere pronti al boom della banda larga che ci permetterà di creare sistemi interattivi e multimediali come mai li abbiamo visti.

Trieste2000 hai detto, spiegaci di cosa si tratta meglio...
Cos'è Trieste2000? E' un portale-contenitore che si fonda su una realtà cittadina ma si offre al resto dell'Italia.

Com'è nato Trieste2000? Da una scommessa!

All'inizio della nostra attività avevamo bisogno di una vetrina virtuale in cui mostrare le nostre capacità e decidemmo di creare il sito www.crossland.net il cui compito era quello di fornire una 'finestra' gratuita per i nuovi creativi che avrebbero dovuto essere i primi ad avvicinarsi alle nuove tecnologie espressive. Purtroppo non valutammo un dato: ancora in Italia si tastava la diffidenza nelle nuove tecnologie da parte degli artisti che sono restii a staccarsi dalle "vecchie" tecniche creative.

Alla fine del '99 puntammo su un'approccio più cittadino della rete poichè nella nostra città, internet era conosciuta tra i giovani ma non possedevano un vero e proprio punto di riferimento nella rete. I siti sono tutt'ora principalmente commerciali o possiedono una struttura di portale fondato su un mero elenco di links...

Devo ammettere che da principio ero dubbioso sulla riuscita del progetto poichè la nostra città è abbastanza ostile nei riguardi del 'nuovo', ma il periodo era propizio: l'inizio del nuovo millennio. E feci una scommessa...

Dai mega portali universali al portale di una città... interessante... una scelta controcorrente...
Personalmente ritenevo che confrontarci con i portali più famosi fosse un progetto azzardato; non possedevamo la struttura adatta nè il capitale e ci indirizzammo verso l'unica soluzione, reinventare il concetto di portale: non un semplice contenitore di links od un motore di ricerca, ma una specie di magazine virtuale locale che fornisse indicazioni, links, servizi utili oltre allo sviluppo di veri e propri contenuti come ad esempio interviste a personaggi triestini e non. Ancora adesso Trieste2000 si trova in una fase embrionale con tutte le possibilità di espansione future.

Quali contenuti stai inserendo e , diciamo, quale sarà la tua linea editoriale?
Come premesso non abbiamo ancora la possibilità di abbracciare svariati campi e contenuti poichè lavoriamo con pochi collaboratori esterni, perciò puntiamo sull'identificare gli interessi principali e le problematiche dei cittadini fornendo servizi utili come il motore di ricerca delle farmacie di Trieste che fornisce gli orari e le aperture in tempo reale, o come gli orari dei trasporti e gli incontri teatrali, o informazioni sui videogiochi o un aiuto per chi si deve sposare.

E Trieste come vive la tua iniziativa, la conosce?
Incominciamo a ricevere consensi da parte della città e non solo quella dei navigatori della rete ma anche un'attenzione da parte di associazioni e nel campo del teatro, oltre ad intraprendere collaborazioni e scambi con il mondo "esterno". Ultimamente c'è stato un'interesse rilevante nella sezione dedicata agli sposi e quella dei videogiochi.

Le principali difficoltà?
La prima è stata il farsi conoscere, oltre al fatto che la concorrenza da parte di siti "economicamente" più attrezzati e con appoggi da parte della Trieste sociale, ci ha reso la vita più difficile.

Trieste2000 voleva essere un trampolino di lancio per poter offrire servizi anche alle piccole-medie imprese che avrebbero potuto appoggiarsi su un nome affidabile e conosciuto; ma siamo rimasti scioccati dal mercato che ci siamo trovati di fronte: la maggior parte delle piccole imprese e dei negozi non solo non conoscevano internet o i computer, ma non avevano mai pubblicizzato la loro attività!. Inoltre molti imprenditori vengono forviati dalla pubblicità negativa che la stampa fa di Internet.
Le difficoltà non sono state poche e molte persone ci hanno reso le cose più difficili, ma ora siamo qua!

E mi sembra, dal tuo entusiasmo, che le cose iniziano a muoversi...
La città si è accorta di ciò che Trieste2000 offre grazie alla diffusione capillare di Internet e all'abbassamento dei costi pubblicitari su carta, tanto che incominciamo a ricevere richieste da piccole attività a cui forniamo soluzioni complete con campagne pubblicitarie su Trieste2000.

E da esperto sul campo come te, cosa ne pensa dei portali italiani??
Penso che il "portale generalista" non abbia futuro e gli avvenimenti recenti mi danno ragione: vedi Yahoo e Altavista che oltre a modificare la veste grafica svariate volte incominciano a perdere utenti, non riuscendo a gestire troppi contenuti peraltro abbastanza sterili, come sterili sono ad esempio quelli di Kataweb che cerca di estendere la propria presenza in tutta l'Italia, infiltrandosi in realtà locali che non può comprendere.

Purtroppo la loro forza resta ancora il "nome" , ma presto le cose cambieranno e credo che Trieste2000 lo stia dimostrando...

Per quanto riguarda il nostro futuro cercheremo di approfondire i contenuti e le collaborazioni già presenti sul portale e successivamente vorremmo trovare degli sponsor che possano appoggiarci nella creazione di nuove aree o siti specifici ai vari interessi dei cittadini e non solo; ci concentreremo sull'interattività con l'utente che potrà partecipare alla crescita del sito.

Cosa consigli ai novelli webmaster per imparare??
www.html.it , www.aspitalia.com , www.webmasterpoint.org

Molti ci chiedono di corsi... cosa consigli
NESSUNO!!! - Pretendono d'insegnarti molto in poco tempo, tralasciando il fattore più importante: la CREATIVITA'...

Ultima domanda, d'obbligo per un creativo come te: che siti preferisci?
Tutti quelli dei film giapponesi, come www.finalfantasy.com

E in generale www.aspitalia.com  , www.otakuworld.com  , www.linux.org



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Luca
Ti è piaciuto l'articolo?